Offerta Intesa per Ubi,
scossone nell’economia marchigiana
Del Balzo: «Non c’è pace»

CREDITO - Il Cda dell'istituto bergamasco ha visionato la proposta e nominerà gli advisor che assisteranno il gruppo. Se l'operazione andrà in porto, la geografia creditizia delle Marche sarà completamente ridefinita. La presidente di Fondazione Carima: «Il nostro territorio soffrirà ancora di più»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
facciatamacerataubi

La sede Ubi di Macerata

 

di Alessandra Pierini

Nuovo scossone per l’economia marchigiana. Ubi ha fatto giusto in tempo a riemergere dalle ceneri di Banca Marche, ora si ricomincia da capo. Il colosso del credito bergamasco che in regione si stava consolidando è infatti finita lungo il percorso di espansione di Intesa San Paolo che, a sorpresa, ha proposto una offerta pubblica di scambio volontaria. Offerta che ridefinirà i confini del credito in tutta Italia ma che nelle Marche, dove la riorganizzazione era a un buon punto, a tre anni dall’acquisto e dopo le note vicende legate al crac di Banca Marche, crea ancora più scompiglio. Poche ore fa il Consiglio di Amministrazione di Ubi ha visionato la comunicazione relativa all’offerta di Intesa Sanpaolo e «ha conferito delega al consigliere delegato – si legge in una nota -, d’intesa con il presidente e sentito il vice presidente, di nominare gli advisor finanziari e legali che assisteranno il Gruppo nello svolgimento delle attività di valutazione delle informazioni finora rese pubbliche, del documento di offerta una volta disponibile, con le alternative possibili». La proposta prevede il conferimento di 17 nuove azioni di Intesa ogni 10 azioni Ubi consegnate, con un premio del 22,6% sui prezzi antecedenti la proposta, al netto dei dividendi che verranno staccati.

InvitoAPalazzo_UBI_Carima_FF-5-325x217

Rosaria Del Balzo Ruiti

«Non c’è pace per le Marche e per questa provincia – commenta Rosaria Del Balzo, presidente di Fondazione Carima che non subirà effetti diretti dall’operazione – oltre all’amarezza di ciò che abbiamo passato, il nostro territorio soffrirà ancora di più». 

In effetti il sistema del credito subirà una trasformazione profonda. Basti pensare che su  797 sportelli disseminati in tutta la regione, alla fine dell’anno 215 sono di Ubi e 102 di Intesa. C’è poi la questione Bper che è coinvolta nell’Ops con l’acquisizione di 4-500 filiali Ubi di cui 44 proprio nelle Marche. L’obiettivo è quello di evitare sovrapposizioni. Il che vuol dire che Intesa sarà la prima banca della regione e, con ogni probabilità Bper, attualmente poco presente la seguirà immediatamente al secondo posto con ben 61 sportelli. Non è certo scontato che non ci saranno filiali che andranno a chiudere i battenti. E a questo le Marche sono purtroppo tristemente abituate. E’ poi evidente che le Marche perderanno la loro centralità. Finora infatti nell’organizzazione di Ubi facevano parte della macroregione Marche Abruzzo, in cui bene o male avevano trovato un buon equilibrio. Intesa contempla invece una macroregione Emilia Romagna – Marche che di certo non favorisce la nostra regione. E’ chiaro che questo mette a rischio il centro direzionale di Jesi che perde la sua attuale funzione. da quartier generale insomma a presidio di confine.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X