facebook twitter rss

I sorrisi di gioia dei bimbi,
il taglio del nastro della primaria Santini:
«Un nuovo grande traguardo» (Foto)

LORO PICENO - Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte tantissimi piccoli alunni, insieme ai loro genitori. Con loro, il commissario Piero Farabollini, il governatore Luca Ceriscioli, il sindaco di Loro Piceno Robertino Paoloni, la dirigente scolastica Annalisa Ruggeri, oltre a Nicolò Bongiorno, figlio di Mike, e un rappresentante della Unipol, le due realtà che hanno cofinanziato il progetto. Assente il premier Giuseppe Conte, che è dovuto andare a Venezia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

402 Condivisioni

 

Il taglio del nastro della scuola primaria “Pietro Santini” di Loro Piceno

 

di Giacomo Gardini

«Scuola e ricostituzione delle comunità, per un futuro fatto di prospettive, speranza e riscatto». Alla cerimonia di inaugurazione di questo pomeriggio della scuola primaria “Pietro Santini” di Loro Piceno, il premier Giuseppe Conte, in visita questa mattina a Camerino, non era presente, almeno non fisicamente. «Sono lì col cuore», ha scritto in un messaggio, incaricando Piero Farabollini, commissario straordinario alla ricostruzione, di portare i suoi saluti ai tantissimi bimbi e genitori presenti, per un festa a lungo attesa. «Purtroppo sono dovuto correre a Venezia – ricorda il premier – ma le istituzioni e il governo vi sono vicine, oggi più che mai. Verrò a trovarvi molto presto».

La fila delle autorità presenti alla cerimonia

Nonostante l’assenza di Conte, la cerimonia di inaugurazione della nuova scuola è stato un susseguirsi di grandi emozioni, mentre l’intera comunità di Loro Piceno si è stretta in un caloroso abbraccio. A presenziare la cerimonia, il commissario Farabollini, il governatore Luca Ceriscioli, il sindaco Robertino Paoloni, la dirigente scolastica Annalisa Ruggeri, oltre ai rappresentanti delle associazioni che hanno collaborato all’impresa. Il progetto del nuovo istituto, demolito in seguito al sisma del 2016, è stato finanziato grazie all’ordinanza 14 del commissario straordinario per la ricostruzione, con il contributo di Unipol e della fondazione Mike Bongiorno.

Il commissario straordinario alla ricostruzione Piero Farabollini

«Un nuovo, grande traguardo nella marcia verso il recupero del nostro territorio – spiega commosso Farabollini -. Questa scuola è un vero concentrato di sinergie, che hanno lavorato fianco a fianco per il futuro dei nostri bambini. Proprio a voi dico: in queste aule realizzerete, giorno dopo giorno, i vostri sogni più grandi». «Ieri eravamo a Palazzo Chigi – aggiunge Ceriscioli – perché vorremmo che tutte le 900 opere pubbliche finanziate diventino una bellissima festa, grazie a regole più semplici, in maniera più rapida. Ora come allora, si parte dalle scuole, niente come queste costruisce una comunità. Non c’è cemento più forte di andare a scuola insieme».

I bambini della scuola primaria intonano l’inno di Mameli

Prima l’inno d’Italia, poi quello della scuola primaria, cantato dai suoi stessi alunni e orchestrato dalla banda cittadina. «Onore a Pietro», cantano i piccoli, ricordando il dottor Pietro Santini, a cui è intitolato l’istituto. E di onore parla anche Annalisa Ruggeri, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo di Colmurano, di cui la nuova scuola fa parte: «Sono onorata – dice – di farmi portavoce dei ringraziamenti che il mondo della scuola deve a chi ha restituito dignità a un tassello fondamentale del nostro tessuto sociale. Il materiale umano più prezioso sono i nostri figli. Se volete scoprire cosa nasconde il futuro, chiedetelo ad una maestra o a un insegnante».

Il sindaco di Loro Piceno Robertino Paoloni

La nuova scuola primaria di Loro Piceno è stata ricostruita con arredi e dotazioni all’avanguardia «una struttura idonea, di classe 4 – l’ha definita il sindaco Robertino Paoloni – il massimo della linea. Il terremoto ci ha insegnato quanto sia importante custodire i nostri figli in un luogo sicuro, dove coltivare le loro aspirazioni». La piccola Sara, a nome di tutti i bambini, ha espresso tutta la sua riconoscenza per questo grande regalo: «Siamo bimbi fortunati – spiega al microfono, emozionata – perché dopo il terremoto abbiamo percepito un crescendo di generosa solidarietà verso di noi. Vogliamo ringraziarvi, tutti voi, con tutto il cuore».

Nicolò Bongiorno

E tra i fautori di questo piccolo grandi miracolo c’è anche la fondazione Mike Bongiorno, di cui si è fatto ambasciatore il figlio Nicolò, presente alla cerimonia: «Il mio papà sarebbe stato felicissimo di essere qui – ammette – Portiamo allegria in questo paese, proprio come avrebbe detto lui». Per ringraziare l’incredibile generosità della fondazione, un’aula della scuola è stata chiamata proprio “Allegria”. Alla cerimonia era presenta anche Pierluigi Stefanini, presidente del gruppo Unipol, che ha sottolineato l’importanza di «percorsi comuni per il riavvio del territorio. Oggi abbiamo una prova tangibile dell’importanza della solidarietà – spiega -. Non basta dire che la scuola è punto strategico per il futuro, bisogna fare in modo che sia così. Questa è l’unica strada possibile verso una società migliore».

Il disegno realizzato dai bambini per il commissario Farabollini

Al termine della cerimonia, una delegazione di bambini ha regalato ai presenti al tavolo una piantina di ulivo, simbolo di speranza. Al commissario Farabollini, invece, un disegno realizzato apposta per lui. Dopo la benedizione dell’arcivescovo di Fermo Rocco Pennacchio, finalmente il taglio del nastro, tra le grida e i sorrisi dei bambini entusiasti, che si sono subito riversati nelle nuovissime aule dell’istituto, per fare merenda ed esplorare quei luoghi dove diventeranno i grandi del domani.

 

La piccola Sara

Il governatore Luca Ceriscioli

La dirigente scolastica Annalisa Ruggeri

Il presidente del gruppo Unipol Pierluigi Stefanini

La benedizione dell’arcivescovo Rocco Pennacchio

L’aula intitolata alla fondazione Mike Bongiorno



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X