Amarcord Macerata, Iommi:
“Lampioni e pensilina liberty in piazza,
le fontane non hanno mai funzionato”

LA RICERCA DEL CENTRO PERDUTO - Con la ztl, il sindaco Carancini parla di una fase quattro: quella del restyling con l'ipotesi di piaggia della Torre che giunge, con l'ultimo gradino, nel cuore di piazza della Libertà. L'architetto maceratese: "Penserei piuttosto a pulire gli edifici per far riapparire il loro cromatismo e a soluzioni pratiche (ascensori o scala mobile). Mi sembra però ci sia confusione.". LE FOTO DEL CAPOLUOGO COM'ERA
- caricamento letture

 

macerata-come-era

macerata-storica-distributore-benzina-piazza-vittorio-veneto-renato-azzacconi

Il distributore di benzina in piazza Vittorio Veneto

 

di Matteo Zallocco

Zampilli dalla vasca davanti al Comune, le prime auto in centro, fino a un benzinaio in piazza Vittorio Veneto. Dalle immagini storiche riemerge un’altra Macerata. Una realtà affascinante e ai più sconosciuta come sottolineato in un recente articolo di Giancarlo Liuti sulla vasca di piazza della Libertà (leggi). “Il passato ci serve per capire quello spazio, com’era per esempio quando ancora non c’erano le macchine”, commenta l’architetto Silvano Iommi. La pedonalizzazione ha acceso il dibattito anche sull’arredo urbano. Piazza della Libertà oggi è senz’auto ma anche senza persone. Come portare la gente nel cuore della città? I pupi che fanno capolino dall’orologio della torre alle 12 e alle 18 sono ancora un’attrattiva per i turisti. Ma non bastano per riempire il vuoto della piazza: “Anche il vuoto è architettura – ricorda Iommi, storico della città – Il tema su cui ragionare è quello della modellazione tridimensionale e la superficie verticale (ad esempio l’orologio della torre) è importante quanto quella orizzontale. Per esempio a mio parere sistemare le persiane del palazzo della Prefettura togliendo quelle vecchie tapparelle vale molto di più che mettere qualche fioriera sulla piazza. E’ straordinario constatare come l’aspetto più interessante del piano per il centro storico, fatto da Bazzani a cavallo degli anni ’30, non sta tanto nei nuovi edifici realizzati ma nella creazione dei vuoti; esattamente il contrario di quello che è stato fatto nel successivo dopoguerra con la demolizione di numerosi palazzi storici di pregio per sostituirli con gigantesche strutture commerciali ad alta densità volumetrica e bassa qualità architettonica e urbanistica. La documentazione storico-fotografica di Balelli sulle grandi trasformazioni post-belliche del centro storico è molto eloquente”.

macerata-storica-piazza-della-libertà-di-renato-azzacconi

I lampioni in piazza della Libertà (foto pubblicata da Renzo Azzacconi)

Il sindaco Carancini in un’intervista a Cm ha annunciato che sta per partire la fase 4: una lussuosa riqualificazione dell’arredo urbano. Tra le proposte quella di riportare la scalinata di piaggia della Torre alla sua sede originaria, arrivando con l’ultimo gradino in mezzo alla piazza e il ritorno di una fontana: “L’espressione usata per lanciare la quarta fase denota una terribile confusione di idee e una preoccupante superficialità progettuale – commenta Iommi -. Pur avendo anch’io pensato in passato ad un livellamento della Piaggia ritengo che oggi le priorità non siano queste. Nell’immediato mi limiterei a migliorare il decoro urbano di piazza della Libertà con l’eliminazione delle tapparelle alle finestre del palazzo della Prefettura, magari ripristinando le persiane ottocentesche, poi penserei ad una estesa pulitura di tutti i paramenti murari che si affacciano sulla piazza, cercando di rendere percettibile il loro cromatismo (è inaccettabile osservare quanto sia sporca la torre civica). Infine prenderei certamente in considerazione il ripristino della pensilina liberty sull’ingresso del teatro Lauro Rossi e il recupero dei vecchi lampioni, ma sulla fontana sarei più cauto. In passato le fontane non hanno funzionato: quella circolare del 1889 davanti la Prefettura è rimasta pochissimo tempo, mentre quella rettangolare del 1950 posta davanti al Comune (detta l’abbeveratoio di Perugini), fu tolta attorno al 1960 perché bagnava la piazza e l’acqua putrescente emanava cattivi odori”.

iommi_Foto-LB

L’architetto Silvano Iommi

Ma guardando queste foto storiche (molte sono state pubblicate nelle ultime settimane nel gruppo Facebook ‘Ricordi di Macerata’) c’è qualcosa che sarebbe bello rivedere oggi: “certamente sì, come appunto i lampioni in piazza. Ma la storia, anche quella urbana, non ha la marcia indietro, quindi dobbiamo andare avanti avendo una maggiore consapevolezza dei valori storico -identitari, investendo innanzitutto nella ricerca progettuale per individuare i migliori e più sostenibili attracchi meccanizzati – aggiunge Iommi -.  Dobbiamo eliminare questo equivoco dell’arredo urbano come attrattore di persone, in realtà è una scorciatoia effimera che elude il vero e più complesso problema dell’accessibilità, mobilità e residenzialità del centro storico. Tutti ormai sanno che se si vuole potenziare l’originario magnetismo del centro storico, dentro l’attuale sistema di competizione territoriale, non è più sufficiente agire solo sulle funzioni simboliche (le bellezze architettoniche e culturali), ma anche su quelle pratiche come gli attracchi pedonali meccanizzati (ascensori e la scala mobile sul versante di piaggia della Torre), oltre che assicurare una costante manutenzione e conservazione del decoro urbano”.

macerata-stroica-Beniamino-Gigli-canta-dalla-Loggia-dei-Mercanti-18-agosto-1930-renzo-azzacconi-650x451

Macerata, 18 agosto 1930 – Beniamino Gigli canta dalla Loggia dei Mercanti (foto pubblicata da Renzo Azzacconi)

piazza-libertà-3-650x471-650x471

La vasca in piazza della Libertà negli anni ’50

vasca-perugini-trasformata-in-base-per-il-presepe

La vasca di Perugini trasformata in base per il presepe

 

cantiere-palazzo-degli-studi-1931-foto-fabio-staffolani-650x500

MACERATA 1931 – Il cantiere del Palazzo degli Studi in piazza Battisti (foto pubblicata da Fabio Staffolani)

 

auto-piazza-della-libertà-renzo-tartuferi

Auto in piazza della Libertà (foto pubblicata da Renzo Tartuferi)

 

standa-nazzarenno-medico

La Standa in via Garibaldi (foto pubblicata da Nazzareno Medico)

concorso-ippicco-giardini-diaz-1923-franco-carletti-650x423

Macerata 1923 – Concorso ippico ai giardini Diaz (foto pubblicata da Franco Carletti)

lavaotio-via-del-pozzo-renzo-azzacconi

MACERATA 1905 – Era il tempo in cui le lavatrici ancora non esistevano……allora tutti al lavatoio pubblico in via del Pozzo (foto pubblicata da Renzo Azzacconi)

corso-cairoli

Corso Cairoli. Quando si girava in doppio senso di marcia. (foto pubblicata da Paola Piergentili)

macerata-storica-piazza-vittorio-veneto-di-filippo-davoli

Piazza Vittorio Veneto (foto pubblicata da Filippo Davoli)

piazza-della-libertà-inizi-anni-30-650x406

Piazza della Libertà, inizi anni ’30



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X