Maggiori entrate,
il Comune ha un tesoretto:
più di 1 milione di euro da spendere

CIVITANOVA - E' emerso nella variazione di bilancio presentata dall'assessore Giulio Silenzi. Grazie alle imposte riscosse come pagamento di Ici e Irpef, anche la Imu della Civica Park, i risparmi e i finanziamenti, saranno pagati debiti, fatte spese e investimenti nel sociale oltre che per le scuole, viabilità e rifiuti
- caricamento letture
consiglio comunale - giulio silenzi - civitanova (6)

L’assessore al bilancio Giulio Silenzi

Variazione di bilancio, il Comune di Civitanova può spendere oltre un milione di euro grazie a maggiori entrate.  L’assessore al bilancio Giulio Silenzi ha illustrato alcune modifiche al rendiconto finanziario che consentiranno spese per diversi settori. Una variazione resa possibile grazie a entrate maggiori rispetto alla previsione. Un pacchetto complessivo che ammonta a 1 milione e 400mila euro. «E soprattutto senza aumentare le tariffe», sottolinea l’assessore e vicesindaco. Nell’operazione contabile sono state accolte tutte le indicazioni provenienti dai vari uffici comunali, dai Servizi sociali ai Lavori pubblici, attingendo a soldi immediatamente spendibili. «Il bilancio è solido e risanato perché abbiamo agito sul piano del disavanzo e eliminato la pesantezza del debito. Le maggiori entrate non sono dovute ad una maggiorazione delle tariffe, ma provengono ad esempio da somme che il Comune ha incamerato grazie ad una serie di interventi».

768mila euro arrivano infatti da maggiori entrate nelle casse comunali grazie al pagamento dell’Ici e Imu da parte del curatore fallimentare della Civita Park (200mila euro), l’occupazione di suolo pubblico e imposta sulla pubblicità (100mila euro) e per l’Irpef (60 mila euro in più). 32mila euro arrivano dal trasferimento dal governo al Comune, mentre 286mila da un contributo a fondo perduto per la manutenzione dell’area portuale. A queste somme, illustrate da Silenzi insieme alla funzionaria del servizio Maria Luisa Melatini, si aggiungono 350mila euro per il mutuo contratto dal Comune per gli asfalti di via Oroboni, via Sonnino, via Maroncelli e per la pista ciclabile. Le altre entrate arrivano invece da Fondazione Carima e dalla Regione. Somme che saranno spese per pagare le vecchie parcelle degli avvocati (100 mila euro); dotare di nuovi strumenti informatici la sede della polizia municipale (20mila euro); contribuire al sostegno scolastico degli alunni portatori di disabilità (30mila euro); contributi per iniziative culturali organizzate dalla Biblioteca “Zavatti” (14mila euro); coprire la spesa Cosmari causata dall’aumento dei rifiuti organici nel corso dell’estate (70mila euro); sistemazione area portuale (286mila euro) e interventi sulla viabilità (80mila euro). Inoltre, tra le spese per gli investimenti che vanno finanziati con la parte corrente ci sono: 70mila euro per la strada di collegamento alla nuova chiesa di san Marone; 100mila euro per la messa in sicurezza nelle scuole (caldaie, infissi, manutenzione straordinaria) e il rifacimento del tetto dell’asilo di via Guerrazzi (50mila euro). «Civitanova è un Comune virtuoso – ha detto Silenzi. La giunta, senza aumentare le tasse, ha un tesoretto disponibile da utilizzare, sono soldi freschi, immediatamente spendibili. Ci siamo sempre basati su una previsione delle entrate prudente e possiamo dirci estremamente soddisfatti per i risultati ottenuti e per il fatto non stare in difficoltà finanziarie».

(l.b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X