Processo Dirty soccer,
nessuna penalità per la Maceratese

LEGA PRO - La sentenza del tribunale nazionale federale parla di 3mila euro di multa ma nessun punto tolto in classifica per i biancorossi. Il club era stato chiamato in causa per la responsabilità oggettiva di un suo tesserato, Mirko Garaffoni, condannato a 3 anni di squalifica. Sentenza anche per l'ex ds Sampino: 2 mesi e 5 mila euro di ammenda
- caricamento letture
Mirko Garaffoni

Mirko Garaffoni

 

Dirty soccer, nessun punto di penalizzazione per la Maceratese ma una multa di 3mila euro. Questa la sentenza partorita oggi dal Tribunale nazionale federale per quanto riguarda la vicenda di partite delle serie minori il cui risultato sarebbe stato alterato. La Maceratese era stata chiamata in causa per la responsabilità oggettiva di un suo, ormai, ex tesserato il difensore Mirko Garaffoni (che è stato condannato a tre anni di squalifica). Secondo la procura federale, che aveva chiesto la penalizzazione di un punto per il biancorossi, Garaffoni avrebbe concorso insieme ad altre persone ad alterare il regolare svolgimento della gara Santarcangelo-L’Aquila dello scorso campionato di Lega Pro che si era concluso 0 a 1 per la compagine abruzzese.

L'avvocato Massimo Nascimbeni

L’avvocato Massimo Nascimbeni

«Esprimo soddisfazione per la decisione del tribunale che evidentemente in accoglimento della tesi difensiva ha ritenuto eccessiva, iniqua e non dovuta la sanzione della penalizzazione in classica richiesta dalla procura federale – dice l’avvocato Massimo Nascimbeni, che assiste la Maceratese insieme ai legali Giancarlo Nascimbeni e Stefano Nascimbeni –. E’ una decisione di primo grado, quindi ancora suscettibile di appello anche da parte della procura federale. 3mila euro sono la sanzione minima irrogata in questo processo». Il tribunale, per quanto riguarda le altre società che sono nello stesso girone della Maceratese, penalizzato di 13 punti L’Aquila e 150mila euro di multa, di sei punti il Santarcangelo (multa di 70mila euro) e di due punti il Savona con 10mila di ammenda. Tra gli imputati al tribunale federale anche il procuratore Giuseppe Sampino, in passato direttore sportivo della Maceratese, condannato a 2 mesi di squalifica e a 5mila euro di multa.

(Gian. Gin.)

***

Questa la classifica in attesa dei giudizi di secondo grado: Spal 44, Pisa 35, Maceratese 34, Ancona 33, Carrarese 30, Siena 30, Pontedera 29, Arezzo 27, Lucchese 24, Tuttocuoio 24, Teramo 23, Prato 20, Pistoiese 19, Rimini 18, Santarcangelo 17 , L’Aquila 14, Lupa Roma 12, Savona 9.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X