La Camera di Commercio fa i conti,
per la cultura restano le briciole

MACERATA - Casse all'asciutto per i tagli previsti dal governo. Scesi da circa 200 a 36 mila i fondi per il Macerata Opera Festival, da 70 a 12 mila quelli per Musicultura, da 20 ad 8 mila quelli per Civitanova danza
- caricamento letture
Bianchi Camera Commercio Macerata_Foto LB (3)

Il presidente Bianchi e il segretario Guadagno durante la discussione del bilancio

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (1)

I lavori di questo pomeriggio per l’approvazione

di Claudio Ricci 

(Foto di Lucrezia Benfatto)

La Camera di Commercio fa i conti con i tagli. Tre milioni di euro in meno rispetto al 2014 che si fanno sentire nel bilancio approvato oggi dal consiglio camerale di Macerata. Una riduzione pesante previsto già dal preventivo approvato a dicembre (leggi l’articolo) e derivante dalla riduzione del 35% dei contributi da parte delle aziende stabilito dal governo Renzi. Da qui un avanzo di “soli” 555mila euro da redistribuire alle associazioni dei settori agricoltura, industria, commercio, cultura. Risultato: casse all’asciutto. Tutte le risorse sono state impegnate. Un quadro più roseo di quello prospettato a dicembre quando ad esempio Sferisterio, Musicultura e Civitanova Danza avevano visto azzerarsi le risorse destinate dall’ente. Ciò non toglie che tagli siano stati comunque pesanti. Scesi da circa 200mila a 36 mila i fondi per la stagione lirica, da 70mila a 12 mila quelli per Musicultura, da 20 mila ad 8 mila quelli per Civitanova danza. Per il primo anno viene invece erogato un finanziamento di 4mila euro per Overtime, il festival dell’etica sportiva a cura dell’associazione Pindaro.

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (7)

Stefano Ghio, Marco Ferracuti e Elisa Bolognesi

Resta solido l’impegno finanziario nei confronti dell’azienda speciale Ex.it, braccio operativo della Camera di Commercio a favore dell’internazionalizzazione delle aziende locali. Continua poi agonizzante l’epopea della Civica enoteca. Nel bilancio preventivo c’erano risorse per arrivare fino ad aprile. Nel frattempo il Comune si è fatto carico dei 10mila euro accantonati che sono quindi tornati nelle casse dell’ente e ad oggi l’enoteca può ancora sperare in un periodo di sopravvivenza graize anche a circa 34 mila euro di economia di gestione. «Ad oggi tutte le risorse della Camera di Commercio risultano impegnate – ha detto il presidente Giuliano Bianchi – L’avanzo è stato redistribuito tra le partecipate, (pagata la Quadrilatero), iniziative nei settori di  agricoltura, industria, commercio e artigianato e cultura. Che rimane il punto su cui continuiamo a credere per Macerata e il suo territorio. Credevamo di poter disporre di un fondo residuo di 26mila euro ma un calcolo sbagliato della quota da versare all’Unione regionale salita a 13mila euro e il fondo da più 12mila euro da destinare alle spese per il Marchio di Qualità dell’Ospitalità italiana hanno azzerato i conti. L’intenzione è quella di muoversi ora il più velocemente possibile verso l’aggregazione con gli altri enti camerali per continuare ad andare avanti nella nostra azione sul territorio».

Bianchi Camera Commercio Macerata_Foto LB (2)

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (5)

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (9)

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (8)

 

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (6)

 

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (4)

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (3)

Consiglio camera commercio macerata_Foto LB (2)

 

 

 

Bianchi Camera Commercio Macerata_Foto LB (1)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X