Carancini a Costamagna:
“Offende la civiltà dei civitanovesi”

LA REAZIONE - I toni canzonatori del presidente del Consiglio comunale di Civitanova durante l'apertura di "Cuore Adriatico" provocano una sdegnata replica del sindaco di Macerata: "Dichiarazioni irresponsabili"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Costamagna durante la presentazione di Cuore Adriatico

Costamagna durante la presentazione di Cuore Adriatico

Non si è fatta attendere la replica del sindaco di Macerata Romano Carancini in merito alle dichiarazioni rilasciate dal Presidente del Consiglio comunale di Civitanova, Ivo Costamagna, durante l’inaugurazione del centro commerciale “Cuore Adriatico”, sulla data di inaugurazione del Palasport concomitante con la festa del patrono San Giuliano (leggi l’articolo):

“Spiace che il presidente del Consiglio comunale di Civitanova Marche, Ivo Costamagna, irrida Macerata a suo dire alla conquista, per la sua città, di poter ospitare il 31 agosto la Lube nel nuovo palasport, con l’allusione che Macerata festeggi in quel giorno il proprio patrono San Giuliano.

Il sindaco Romano Carancini

Il sindaco Romano Carancini

Da un lato, le dichiarazioni rilasciate misurano la miopia intellettuale di chi, indifferente e sprezzante della responsabilità istituzionale che il ruolo di presidente del Consiglio comunale gli affida, offende non solo e non tanto Macerata, ma la civiltà dei civitanovesi ed il rispetto che la figura istituzionale deve sempre avere nei confronti di ogni cittadino o comunità, indipendentemente dal fatto che egli la rappresenti o meno. Schernire l’identità, il valore religioso e la partecipazione popolare dei maceratesi, riflessa simbolicamente in San Giuliano, per vendere un grande risultato amministrativo futuro, può solo provocare quelle parti delle nostre città che ancora credono che tra Macerata e Civitanova il livello della competizione, comprensibile e legittima per tanti temi, possa trasformarsi e sfociare in offesa della coscienza. In ogni caso colgo l’occasione per fare i complimenti alla Amministrazione civitanovese per il risultato dichiarato, che trasferisce a Civitanova la ventennale storia sportiva della Lube Macerata ed il patrimonio umano dei tanti atleti che la costituiscono, dai campioni della prima squadra al più giovane degli atleti delle altre formazioni. Auguro infine a Civitanova di vivere gli stessi successi, alcuni molto prestigiosi come gli scudetti, anche giovanili, che macerata ha già vissuto, assaporato e contribuito a raggiungere grazie alla costante ed incondizionata passione dei tanti tifosi maceratesi che da sempre seguono la Lube.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X