Ville e catasto,
ora indaga la Finanza

CIVITANOVA - La procura di Macerata ha dato mandato di approfondire la vicenda e ricercare se vi siano profili di reato
- caricamento letture

 

rai giletti civitanova (3)di Laura Boccanera

Dalla tv alla Procura. Dopo il polverone di polemiche e indignazione scatenato dall’ “affaire” ville e catasto, la vicenda finisce sotto la lente della Guardia di Finanza di Macerata. La Procura ha infatti dato mandato questa mattina alle fiamme gialle di verificare l’esistenza di ipotesi di reato in merito ai presunti accatastamenti incongrui a Civitanova. E di controllare a 360 gradi se vi siano stati illeciti commessi.

L’ANTEFATTO – Dopo l’insediamento, il sindaco Tommaso Corvatta ha messo mano all’analisi del patrimonio immobiliare per capire il gettito che sarebbe derivato dall’Imu ed è emerso il dato eclatante sul quale poi si è soffermata anche la stampa nazionale. Tra i 41mila immobili esistenti a Civitanova infatti solo 1 risulta essere accatastato come villa in categoria A8. Esistono però 186 stabili di categoria A7 censiti come villini. Dati che hanno sollevato l’opinione pubblica e attirato le telecamere Rai che hanno ripreso anche le case di numerosi imprenditori della zona. Il sindaco aveva garantito controlli ed incrocio dei dati, anche se di fatto fra uffici tecnici e catasto le responsabilità sono difficili da attribuire. Anche perchè molti imprenditori e inquilini delle abitazioni non sanno neanche come sia stato accatastato il proprio appartamento e se sussistono anomalie.

I RISVOLTI – A cercare di tirare le somme di un quadro normativo piuttosto complesso ora ci penserà la Guardia di Finanza per valutare se effettivamente possano sussistere ipotesi di reato tese ad un pagamento inferiore dell’Ici e dell’Imu sulla base di una minore rendita catastale rapportata alla classe effettiva di appartenenza dell’immobile. Il sindaco Tommaso Corvatta è stato informato dell’inizio delle indagini: “Massima collaborazione con la Guardia di Finanza” ha detto il sindaco che nei prossimi giorni convocherà anche un incontro con la Civita.s la società partecipata che si occupa della riscossione dei tributi per definire le modalità per attuare controlli. L’ipotesi è quella di dividere in aree la città e poi approntare verifiche per gli interventi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =