Macerata festeggia l’Europa
Il sindaco Carancini invita
in città il ministro Kyenge

Anche il primo cittadino condanna il manifesto di Forza Nuova. Questa mattina in piazza Battisti l’Aiccre ha aperto la manifestazione" I gemellaggi per un’Europa dei cittadini"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

festa_europa_gemellaggio_sindaci

 

Lo striscione esposto sul balcone del Comune di Macerata

Lo striscione esposto sul balcone del Comune di Macerata

MACERATA CITTA’ DELL’AMICIZIA E DELL’ACCOGLIENZA, IL SINDACO CARANCINI HA INVITATO IN CITTA’ IL MINISTRO DELL’INTEGRAZIONE CECILE KYENGE –   “Una nazione può stare senza tesoro ma non può stare senza amici”. E’ questa la frase di Padre Matteo Ricci riportata sullo striscione che da ieri è appeso al balcone del Comune in occasione del 50° anniversario del gemellaggio di Macerata con la città tedesca di Weiden.

Quelle che si stanno svolgendo in città questi giorni, in occasione della Festa dell’Europa, sono giornate di amicizia e fratellanza secondo la più fervida tradizione di civiltà e accoglienza che da sempre contraddistinguono Macerata e la sua gente.

“La risposta della città – afferma il sindaco Romano Carancini –  contro la totale mancanza di rispetto nei confronti della dignità delle persone oltreché della nostra costituzione e che non rappresenta assolutamente la nostra cittadinanza, racchiuso nel gesto deprecabile di Forza Nuova (LEGGI L’ARTICOLO) che ha portato Macerata alla ribalta delle cronache nazionali, è stato anticipato dallo striscione che da ieri campeggia sul balcone del Municipio a dimostrazione di quello che la nostra città sente e vive. Inclusione sociale, partecipazione, rispetto e conoscenza delle diversità culturali sono le parole d’ordine che colorano di multiculturalità tutta la città in questi quattro giorni, ma non solo, in occasione della Festa dell’Europa. Si scrive Festa dell’Europa e si legge unità tra i popoli e amicizia tra tutti i cittadini”.

  In giornata il sindaco Romano Carancini si è già attivato per inoltrare al neo ministro all’Integrazione Cecile Kyenge l’invito a venire in visita a Macerata. In mattinata anche il segretario cittadino del Pd Paolo Micozzi ha invitao in città il ministro Kyenge per assistere al Macerata Opera Festival  (LEGGI L’ARTICOLO. 

***

gemellaggio sindaci

Il sindaco Carancini questa mattina in piazza Battisti con il presidente del Consiglio regionale Solazzi

Festa dell’Europa 2013 “I gemellaggi per un’Europa dei cittadini”, l’Aiccre in piazza insieme ai comuni marchigiani.

In un periodo interessato da forti cambiamenti, attraversato dalla crisi politica ed economica, come quello attuale, i gemellaggi, che sono stati fattori di unificazione e democrazia, devono continuare a svolgere il loro fondamentale ruolo di volano di democrazia dal basso nella prospettiva di una sempre maggiore integrazione europea dando ai cittadini la possibilità di scoprire i benefici dell’esistenza dell’Unione europea e di discutere insieme il suo futuro.
Questo in sintesi il messaggio lanciato da Emilio Verrengia, segretario generale dell’Aiccre, che questa mattina in piazza Cesare Battisti, ha aperto la manifestazione I gemellaggi per un’Europa dei cittadini organizzata dall’Associazione in occasione della Giornata dell’Europa nell’ambito della festa d’Europa 2013.
Presenti alla manifestazione il sindaco Romano Carancini, il vice sindaco Federica Curzi, Paola Mariani in rappresentanza della Provincia di Macerata, Vittoriano Solazzi, presidente del Consiglio regionale delle Marche nonché presidente della Federazione regionale dell’Aiccre Marche, Michele Picciano, presidente dell’Aiccre e Giuseppe Valerio, presidente della Consulta Aiccre “Cittadinanza Europea e gemellaggi”
L’Europa e i suoi cittadini, i rapporti di amicizia, fratellanza, conoscenza e unione sono state le parole ricorrenti di questa giornata, tutte insieme a tessere un filo rosso che ha attraversato l’intera manifestazione, la quale ha riunito in piazza anche i sindaci dei primi dieci Comuni gemellati delle Marche e quelli che hanno partecipato all’Assemblea costituente dell’Aiccre, il 25 e il 27 gennaio del 1952 premiati, proprio per questi motivi, dall’Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa.

gemellaggio sindaci (3)

L’intervento del vicesindaco Federica Curzi

Con un inciso dell’Inno alla gioia, “Abbracciatevi moltitudini” è iniziato il saluto del sindaco Carancini che ha sottolineato come quello del 9 maggio sia “un giorno importante per la nostra Europa che vuole ricordare simbolicamente e solennemente la dichiarazione che Robert Scherman il 9 maggio 1950 fece proponendo la creazione di una Comunità Europea del carbone e dell’acciaio”.
Carancini, sottolineando come Macerata abbia sempre creduto nei valori dell’amicizia e della fratellanza, ha ricordato i gemellaggi stretti con Weiden, cinquant’anni fa, e con altre significative realtà europee tra le quali Issy Les Moulineaux e Floriana.
“Tutto ciò è stato importante perché i gemellaggi hanno dato un contributo determinante alla nascita della coscienza europea e sono il modello a cui guardare, affinché a un’Europa degli stati e della moneta unica, subentri in un tempo ragionevolmente veloce un’Europa dei popoli”.
Alla piazza si è ispirato invece l’intervento del vice sindaco Federica Curzi: “Abbiamo scelto la piazza per celebrare questa giornata. Abbiamo scelto di restituire un’immagine visiva di quello che significa l’Europa Unita secondo noi. Da sempre la piazza è il simbolo della cittadinanza. Cittadinanza intesa come sostanza, identità, significato di una città intesa come civitas, come saggiamente la chiamavano i latini, distinguendola da urbs che sono invece le mura, i palazzi, il contenuto formale di una città. Una città che si ritrova nella piazza, nell’agorà, è una città che parla, che discute, che si confronta, che vive i problemi e le opportunità della cittadinanza. Una città e una cittadinanza attive. Abbiamo scelto la piazza per essere già dentro il tema scelto dalla Comunità Europea per quest’anno: perché il 2013 è l’anno europeo dei cittadini.
festa_europa_gemellaggio_sindaci (3)Vorrei essere all’altezza di un compito che mi sono prefissa oggi: rappresentare i volti, i sentimenti, i valori e l’umanità che hanno ispirato la creazione dell’Unione Europea in cui viviamo oggi. C’è un modo semplice e diretto per farlo: la memoria dei nomi e dei cognomi di coloro che con il loro impegno e la loro motivazione hanno pensato e voluto quell’idea e quel progetto di Europa in cui viviamo oggi. Combattenti della resistenza, avvocati, uomini di stato, sono questi i padri fondatori dell’Europa, un gruppo eterogeneo di persone mosse dagli stessi ideali: la pace, l’unità e la prosperità”.
Il vice sindaco ha ricordato infine come Macerata festeggia l’Europa il 9 maggio di ogni anno da 7 anni, con partecipazione, inclusione, socialità, divertimento, buone pratiche e tradizioni, sapori e saperi provenienti da tutti i paesi europei.
“L’Europa che festeggiamo oggi è un’idea, è il progetto di quei padri fondatori realizzato e che però continua a camminare sulle gambe degli attuali capi di stato, amministratori locali, associazioni e cittadini. Sarebbe ingiusto considerare l’Europa unita un traguardo raggiunto – ha concluso la Curzi. Piuttosto, è soltanto non considerandola fatta che ciascun Comune, Città, Paese – attraverso nuovi patti di gemellaggio e nuovi scambi tra comuni gemelli, dialogo, e relazioni potrà camminare unitamente verso quello scopo di tutti e di ciascuno dei 27 attuali paesi membri: costruire l’identità europea. Soltanto così, da quell’idea visionaria di Robert Schuman potranno nascere gli Stati Uniti d’Europa”

***
festa_europa_gemellaggio_sindaci (7)La Festa dell’Europa (LEGGI L’ARTICOLO)  entra nel vivo, domani in scena i prodotti ecocompatibili, il laboratorio “leonia” e tanta musica

Per domani il calendario degli appuntamenti messi a punto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Strade d’Europa, per la Festa dell’Europa 2013 prevede, dalle ore 18, in piazza Vittorio Veneto, Typical and Green, una serie di stand che proporranno produzioni locali eco-compatibili.
Alla stessa ora e nello stesso luogo prenderà il via, a cura dell’associazione Les Friches, il laboratorio di narrazione e creatività leonia, ispirato alle Città invisibili di Italo Calvino, che giocherà sul concetto di opulenza e di rifiuti e sull’esigenza perversa di fagocitare il nuovo.
Dalle ore 19, invece, la Festa dell’Europa andrà a tutta musica con Dj Smegma vs Dj Nooz. Dj set Rock around the Europe. La performance è prevista in piazza Cesare Battisti.
A fare da sottofondo a queste iniziative i consueti aperitivi realizzati in collaborazione con i bar e i ristoranti aderenti all’iniziativa, 49 in totale, che proporranno, a partire dalle ore 18, cocktail e piatti per scoprire sapori tipici dei diversi paesi europei.

(Foto di Lucrezia Benfatto)

festa_europa_gemellaggio_sindaci (2)

festa_europa_gemellaggio_sindaci (4)

festa_europa_gemellaggio_sindaci (5)

festa_europa_gemellaggio_sindaci (6)

festa_europa_gemellaggio_sindaci (8)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X