Nessun aumento delle tariffe per l’inumazione

Le precisazioni dell'assessore Ubaldo Urbani
- caricamento letture

 

L'assessore Ubaldo Urbani

L’assessore Ubaldo Urbani

Dall’assessore Ubaldo Urbani, riceviamo:

Preg.mo Direttore,

In merito all’articolo apparso sul vostro giornale dal titolo “A Macerata morire costa (ancora) troppo caro”, informo di quanto segue: la Giunta con delibera 119 del 2 maggio 2012 rep.n.311, ha adeguato a 730 euro, oltre ai diritti di legge, la tariffa dell’inumazione; adeguamento resosi necessario per adeguare la tariffa ai costi complessivamente sostenuti dal Comune per ogni sepoltura in campo .
A seguito mozione consigliare e in ottemperanza alla stessa, con delibera 213 del 18 luglio 2012 rep.n.509, è stata revocata la delibera 119 del 2012 ed è stata rideterminata la tariffa di inumazione in euro 213 cadauna, oltre i diritti di legge, da adeguarsi annualmente commisurandola all’indice ISTAT nazionale dei prezzi al consumo. Ricordo, poi, la gratuità del servizio di inumazione ed esumazione a norma dell’art.15 del Regolamento comunale di polizia mortuaria, per le salme di persone che siano riconosciute indigenti o per le quali vi sia disinteresse da parte dei familiari. Tanto le dovevo, colgo l’occasione per inviarle i miei piu’ cordiali saluti.

***

Ringraziando l’assessore Urbani per la cortese risposta, la redazione si scusa per l’errore con i lettori e con l’Amministrazione comunale,  così come ha già fatto l’autore dell’intervento, l’avvocato Andrea Marchiori, nei commenti in calce all’articolo (leggi).

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X