Don Ennio Borgogna
Il piccolo, grande uomo

L'ADDIO - I ragazzi dei Salesiani lo ricordano con un video. ll sindaco Carancini in un telegramma, nel quale ha espresso sentimenti di “ammirazione e riconoscenza per l’altissimo contributo educativo, per la passione religiosa e civile e il forte impegno profusi per l’affermazione dei valori di fratellanza e amicizia". Stefano Casulli: "Che domani, alle 10.30, sia un delirio in sua memoria"
- caricamento letture
don ennio 00

I ragazzi dei Salesiani ricordano Don Ennio (clicca sull’immagine per guardare il video)

Don Ennio nell'aula consiliare del Comune attorniato dai ragazzi dell'oratorio

Don Ennio nell’aula consiliare del Comune attorniato dai ragazzi dell’oratorio

 

Dolore e cordoglio a Macerata per la morte di Don Ennio Borgogna (leggi l’articolo). I funerali si terranno domani (martedì) alle 10.30 nella chiesa dei Salesiani. Tanti i messaggi di cordoglio arrivati anche nei commenti di Cronache Maceratesi. Di seguito il ricordo da parte del Comune di Macerata:

Profondo cordoglio ha destato in Comune la notizia della scomparsa di don Ennio Borgogna, sacerdote che per oltre un trentennio ha guidato l’oratorio dei Salesiani di Macerata prima di essere trasferito a Porto Recanati e successivamente a Civitanova Marche.

   Don Ennio è sempre stato un punto di riferimento per tanti ragazzi, si è messo in loro ascolto con la semplicità e l’umiltà che lo hanno sempre contraddistinto. Intere generazioni di maceratesi sono cresciute sotto la guida spirituale del sacerdote che, nel 2000, aveva rivolto la sua attenzione oltre confine avviando la missione a Makuyu in un angolo sperduto del Kenia.

don ennio 1 Il dolore e il cordoglio della città è stato espresso questa mattina dal sindaco Romano Carancini in un telegramma, inviato ai familiari anche a nome dell’Amministrazione comunale, nel quale ha espresso sentimenti di “ammirazione e riconoscenza per l’altissimo contributo educativo, per la passione religiosa e civile e il forte impegno profusi per l’affermazione dei valori di fratellanza e amicizia”.

  Macerata è sempre stata legata alla figura del sacerdote salesiano, alla sua schiettezza e simpatia e non ha mai perso l’occasione per dimostrare il proprio affetto stringendosi intorno a lui anche in occasione di due cerimonie pubbliche volute dall’Amministrazione comunale.

 

La pergamena donata a Don Ennio dal Comune per l'impegno nelle missioni africane

La pergamena donata a Don Ennio dal Comune per l’impegno nelle missioni africane

Nel mese di novembre 2005 la Giunta comunale guidata dall’allora sindaco Giorgio Meschini donò a don Ennio una pergamena in segno di riconoscenza per l’impegno nella missione africana. La cerimonia, che si svolse alla presenza degli amministratori comunali, dei familiari e di tanti ragazzi dell’oratorio, fu organizzata su proposta di don Felice Molino, il direttore dell’opera don Bosco Parish di Makuyu, che volle in questo modo far conoscere alla città di Macerata le grandi opere umanitarie svolte dal salesiano maceratese in terra africana. “La povertà non si sceglie, il benessere sì” disse don Ennio nel suo emozionato intervento “In Africa puoi capire cosa vuol dire entrare in una mensa con la fame e uscire con l’appetito perché hai mangiato solo pane e un mestolo di farro e al ritorno in Italia, sei trasformato, e puoi apprezzare di più la tua realtà”. Quattro anni dopo, nel2009, inoccasione del suo trasferimento a Porto Recanati, don Ennio fu ricevuto per la seconda volta in Comune per ricevere l’affettuoso saluto della città, dei suoi amici e degli amministratori comunali. “Sono venuto da Galdo Tadino in bicletta e oggi me ne vado con la barchetta” esordì simpaticamente nel saluto con il quale si congedò da Macerata facendosi ancora una volta apprezzare per le sue capacità di dialogo e di confronto. Portò con sè il dono dell’Amministrazione comunale, un piatto dipinto a mano con l’immagine di Macerata, “ottimo per servire il pesce” disse divertito al sindaco Giorgio Meschini alludendo al suo trasferimento verso la cittadina costiera.

***

don ennio 0CIAO ENNIO, UN UOMO BUONO

Da Stefano Casulli riceviamo una riflessione sulla morte di Don Ennio:

Quando si scrive di una persona che non c’è più il rischio è sempre quello di cadere nella retorica o nella magnificazione oltre metafora; se poi le emozioni e le riflessioni spurie sono ampliate dalla freschezza del fatto tragico, si può precipitare nell’esaltazione dei fatti, nella logorrea delle storie o nella narcisistica proposizione di quanto “si aveva in comune”. Proverò a non fare niente di tutto questo, consapevole che scrivere aiuta a far sedimentare.

Indubbiamente, le cose da dire e riportare sarebbero tante: ma i racconti, i fatti e la cronaca degli ultimi giorni meritano di essere messi da parte. Sono recuperabili nei cassetti stracolmi delle centinaia di persone che da ieri sfilano nella Parrocchia di San Marone per l’ultimo saluto.
Un vuoto si è prodotto.
Ho rivisto ieri una moltitudine di persone che non rivedevo da tantissimo tempo: compagni di giochi e litigi, antichi amori e amici di vecchia data. Ho telefonato a qualcuno che non sentivo da tempo, richiamato ricordi antichi, salutato persone di cui avevo dimenticato la stessa esistenza. Prima ancora della sofferenza, a un livello più profondo, ho scoperto che un filo ci teneva legati: non un comune punto di vista, ma un’esperienza di vita. Un’esperienza di uomo. Allo stesso tempo, sentivo che questo raccordo con quelle tante persone si stava tendendo, tirando, lacerando: come se la coscienza del dolore moltiplicasse lo scollarsi di quel rapporto profondo e al tempo stesso incomprensibile.

don ennio 3Ennio era la colla. Per quanto allontanato da Macerata, esiliato dall’oratorio e privato della possibilità di trasferirsi in Africa, Ennio non ha smesso in questi anni di essere un punto di riferimento, di contatto, di colleganza tra persone che avevano pur preso strade diverse. Era comunque un orizzonte, uno spazio di legame in cui una variegata infinità di donne e uomini ha continuato a situarsi senza saperlo.
Ennio non era un rivoluzionario. Era un uomo giusto, buono. E forse proprio per questo davvero rivoluzionario.
Lo è stato essendo guida e fratello, educando al silenzio nella società della confusione; dando sempre la priorità al più piccolo d’età, di cultura, di moneta; insegnando la disobbedienza all’autorità senza mai rinnegare il proprio voto di obbedienza (e se questo non lo rende un rivoltoso fino in fondo, lo impone come uomo coerente nei propri principi di fede); è stato un bevitore, un bestemmiatore e un folle intransigente verso la ricchezza: ubriaco di indignazione verso la marginalità, con quel coltello piantato nel fianco ha gridato “la pena e il suo nome”. Ha incarnato il principio educativo fondamentale: la potenza della pratica, la forza dell’esempio, il valore della fatica. E le sue mani, oggi come ieri, ne sono l’imprescindibile testimonianza.
I premi e le gratificazioni istituzionali ricevute non possono raccontare lo spessore umano di un cipolletto piccolo piccolo: che insegnava il sorriso come forma di aiuto, l’impegno come dovere civico, la semplicità come modo di combattere il consumismo, la povertà come stile misurato di vita.
Don_Ennio_3Provando a ripercorrere le immagini dei momenti insieme, continuo a rivederlo solo e soltanto in Kenya, dove ha compiuto una delle sue opere più grandi: insegnare a decine di persone come me il valore dell’impegno per chi ha bisogno, materialmente. Un missionario eretico, nato e vissuto sempre per aiutare con le mani senza la pretesa di evangelizzare e colonizzare nessuno. Che ha creduto e ballato per il sorriso e la gioia di un bambino.
E così capisco che se n’è andato un uomo giusto, ricco, che con la forza delle proprie azioni ha dato un senso all’agire di tanti. E metto a fuoco che la vita è questa capacità di tenere insieme le persone, di rappresentare il focus di ricordi, immagini, emozioni, esperienze che può accomunarci. Ed ogni vita è il nodo di tante comunità diverse, il polo di tanti rapporti intessuti con la gente attraverso momenti condivisi. Siamo oltre le dottrine la religione le fedi: siamo nel campo della vita umana nuda e cruda, composta di azioni, amori bisogni e desideri incrociati e mescolati con quelli degli altri, attraversati da altre vite che donano loro un senso e una precaria coerenza. E così anche un ateo anticlericale può trovare il suo posto nella preghiera di una veglia serale e nel ricordo di un uomo buono che ha vissuto alla grande.
E che domani, alle 10.30, sia un delirio in sua memoria.

Il saluto di Don Ennio prima di lasciare Macerata (foto del Comune)

Il saluto di Don Ennio prima di lasciare Macerata (foto del Comune)

Gli altri articoli

Si è spento Don Ennio Borgogna, per 34 anni anima dell’oratorio salesiano


Don_Ennio_3

di Matteo Zallocco Si è spento questa notte don Ennio Borgogna, 83 anni, per 34 anni anima dell’oratorio salesiano di Macerata, prima di essere trasferito qualche anno fa a Porto Recanati e da lì, dopo la chiusura dei Salesiani dello scorso anno, a Civitanova dove attualmente viveva. Il sacerdote è morto nel sonno, è […]

Dopo 88 anni i Salesiani salutano Porto Recanati


La chiesa dei Salesiani a Porto Recanati

Rimane l’oratorio, che sarà gestito dal nuovo viceparroco Don Juan Carlos Munoz Caceres. La parrocchia del Preziosissimo Sangue sarà guidata da Don Lorenzo Di Re

Don Ennio Borgogna: “Difendiamo l’oratorio”


Don Ennio Borgogna durante la celebrazione per il suo 50mo di sacerdozio

Grande festa domenica ai Salesiani per i 50 anni di sacerdozio di don Ennio Borgogna. Il sacerdote salesiano è stato per 34 anni l’anima dell’oratorio dove ha visto crescere tantissimi maceratesi prima di essere trasferito, un anno e mezzo fa, a Porto Recanati. “Sono stato contento di aver rivisto tanti ragazzi domenica e anche miei […]

Al teatro Don Bosco torna don Ennio Borgogna per la serata dei “Maceratesi dell’anno”


Ci sarà anche don Ennio Borgogna alla premiazione dei Maceratesi dell’anno che andrà in scena stasera alle ore 21.15 al teatro don Bosco (ingresso gratuito). Il sacerdote salesiano che ha vinto il concorso l’anno scorso insieme all’imprenditrice Maria Toni, tornerà dunque ai Salesiani di Macerata dove è stato per anni il simbolo dell’oratorio e ha […]

Il saluto di Macerata a don Ennio Borgogna


“Sono arrivato a Macerata da Gualdo Tadino in bicicletta e ora vado a Porto Recanati con la barchetta”. Così don Ennio Borgogna, con la simpatia e la semplicità di sempre, ha esordito sabato scorso nella sala consiliare del Comune dove l’Amministrazione comunale ha voluto rivolgere il saluto della città al salesiano che dopo trentaquattro anni […]

Macerata saluta Don Ennio con un pensiero all’Africa


Sarà un sabato di festa in onore di don Ennio Borgogna, l’anima dei Salesiani, colui che ha visto crescere generazioni di maceratesi. Il saluto dei ragazzi del Ser.Mi.Go: Un grande uomo, anche se la statura non lo direbbe, saluterà domani la città di Macerata, dopo una vita (da 34 anni è direttore dell’Oratorio Salesiano) spesa […]

Sabato i ragazzi dei Salesiani di Macerata organizzano una grande festa per salutare don Ennio Borgogna


“Ciao don Ennio… cipullittu de ficana”. Si avvicina il momento di don Ennio Borgogna dall’oratorio dei Salesiani di Macerata a quello di Porto Recanati. Per l’occasione i ragazzi della “Famiglia salesiana” organizzano una festa di saluto a quello che, nel corso dei 34 anni trascorsi in città, ha visto crescere migliaglia di ragazzi. L’appuntamento è […]

Don Ennio Borgogna saluta la sua Macerata


di Matteo Zallocco Era il 1975 quando don Ennio Borgogna iniziò la sua missione all’oratorio dei Salesiani di Macerata dopo le esperienze di Porto Recanati e Gualdo Tadino. A 34 anni di distanza, l’anima dell’oratario salesiano, la figura che ha visto crescere migliaglia di giovani maceratesi, dovrà salutare questa città per tornare a Porto Recanati. […]

Aggiungi un posto a tavola: c’è Don Ennio da Macerata


di Maurizio Verdenelli “Giuro che se dopo tutta ‘sta faticaccia alla fine non mi ritrovo in Paradiso, appena vedo don Bosco, lo gonfio!”. Parola di don Ennio Borgogna assistente spirituale dell’Istituto Salesiano, maestro di generazioni di maceratesi. Così come in precedenza lo era stato un altro leggendario Don E: don Ennio Pastorboni anch’egli nella storia […]

Don Ennio Borgogna e Maria Toni sono i “Maceratesi dell’anno”


di Matteo Zallocco “Ennio, Ennio, Ennio”. Sì è conclusa con un coro da stadio la serata di premiazione dei Maceratesi dell’anno, organizzata dal Carlino in collaborazione con Cronache Maceratesi e E’-tv e andata in scena venerdì al teatro Don Bosco. I ragazzi dell’oratorio, degli scout, del Sermigo e degli altri gruppi dei Salesiani hanno festeggiato […]

Don Ennio e la missione di educare alla gioia


di Matteo Zallocco “La mia missione è educare alla gioia e alla serenità e per farlo bisogna innanzitutto dare il buon esempio”. E in questo don Ennio Borgogna riesce da tanti anni con una simpatia unica, con il sorriso stampato sulle labbra e un lessico giovanile ricco di quei termini che usano i ragazzi con […]



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X