Don Ennio Borgogna e Maria Toni
sono i “Maceratesi dell’anno”

- caricamento letture

maceratesedellanno

di Matteo Zallocco
“Ennio, Ennio, Ennio”. Sì è conclusa con un coro da stadio la serata di premiazione dei Maceratesi dell’anno, organizzata dal Carlino in collaborazione con Cronache Maceratesi e E’-tv e andata in scena venerdì al teatro Don Bosco. I ragazzi dell’oratorio, degli scout, del Sermigo e degli altri gruppi dei Salesiani hanno festeggiato così la vittoria di Don Ennio Borgogna, eletto Maceratese dell’anno dalla giuria tecnica mentre il voto popolare ha incoronato Maria Toni, la prima imprenditrice donna della nostra provincia che nel corso del 2008 ha festeggiato i 40 anni di vita della sua azienda. Non ci stancheremo di ripetere che tutti i 12 candidati vanno considerati vincitori, per aver fatto qualcosa di importante in vari ambiti nel corso del 2008 (e non solo) e grazie ai quali tutti noi possiamo dire con orgoglio di essere maceratesi.
La genuinità e l’emozione di Maria Toni, la semplicità e la simpatia di Don Ennio hanno chiuso in bellezza la serata finale di un percorso che ha fatto conoscere meglio queste 12 persone e accendere su di loro le luci dei riflettori dopo tanto lavoro dietro le quinte, perchè è giusto far emergere anche ciò che di buono offre il nostro territorio.
Don Ennio Borgogna ha ricevuto anche altri due premi, da Deborah Pantana presidente della Federazione Marchigiana dei Consultori Familiari di Ispirazione Cristiana e dai ragazzi dell’oratorio  che hanno riservato al sacerdote salesiano una dedica davvero speciale: “Sei il Pistacoppo della nostra vita, padre dei Don Ennio boys, grati per sempre!”.
Molto emozionata Maria Toni, la prima donna vincitrice del “Maceratese dell’anno”, premio andato negli anni passati a Dante Ferretti, Luciano Latini, Padre Alberto Panichella, Cleto Sagripanti e Mario Sperandini. Queste le parole della “signora Toma” una volta salita sul palco: “Questo premio è qualcosa di straordinario, il solo fatto di partecipare ed essere affiancata a questi grandi nomi per me è stato un grandissimo orgoglio, a fianco a loro ero l’ultima ruota del carro, non mi sarei mai immaginata di vincere. Dopo quarant’anni di attività speravo in un un po’ di riposo ma di fronte a questa crisi mondiale bisognerà rimboccarsi di nuovo le maniche”. La Toma, azienda che ha riscosso successo producendo divise alberghiere, rappresenta le tante piccole, grandi imprese che inorgogliscono le Marche.
La serata, presentata da Tiziana Tiberi di E’-tv Marche  andrà in replica mercoledì 18 febbraio alle 22.30, mentre giovedì sarà trasmessa sul canale 891 di Sky alle 15. Ad allietare la serata hanno contribuito i ragazzi dell’Acrobatic Virtus Team con tre esibizioni spettacolari che hanno messo in luce un’altra interessante realtà maceratese.
Sono saliti sul palco per essere premiati il fratello e la sorella di Enrico Mercuri, il maresciallo di Montecassiano rimasto ferito ad una gamba un anno fa nel corso di un attentato dei talebani in Afghanistan. Mercuri è intervenuto telefonicamente dall’ospedale militare di Roma dove venerdì mattina è stato sottoposto all’ultima operazione. Quindi Mauro Evangelista, illustratore di fama internazionale e pluripremiato nel corso del 2008. La direttrice d’orchestra Cinzia Pennesi è stata premiata da Francesco Massi che ha sottolineato l’orgoglio per la presenza tra i “magnifici 12” di tre tolentinati, tutti rappresentanti del mondo della cultura (gli altri sono Saverio Marconi e Cesare Bocci). Di quest’ultimo è stata anche ricordata l’attività di testimonial dell’Anffas dal presidente Mario Sperandini, vincitore della passata edizione. E’ stato poi premiato Guido Favia, docente di parassitologia all’Università di Camerino che ha spiegato la sua ricerca sulla malaria in cui è stato individuato un “microrganismo buono” nelle zanzare capace di sconfiggire il “microoganismo cattivo”. Roberto Santinelli ha parlato della missione in Albania del fratello don Patrizio, mentre Cristiana Buzzelli, responsabile marketing della Rainbow ha ritirato il premio per Iginio Straffi, l’ideatore delle fatine Winx che hanno spopolato in tutto il mondo, sottolineando la volontà dell’azienda di Recanati di creare il Museo delle Winx nei locali dell’ex Upim a Macerata. Alfredo Perugini, assessore del Comune di Civitanova, ha ricordato le tante vite salvate dal bagnino coraggio Luigi Gaetani (assente per influenza), mentre il sindaco di Urbisaglia Roberto Broccolo ha manifestato il proprio orgoglio per il concittadino Simone Salvi, ormai celebre per avere preso parte  allo staff elettorale del neo presidente degli Stati Uniti Barack Obama (“Ora il mio sogno è ospitarlo un giorno a Urbisaglia”, ha detto lo stesso Salvi). “Yes we can”, parola dei dodici Maceratesi dell’anno.

****

Anche quest’anno abbiamo chiesto a persone che occupano incarichi istituzionali di esprimere e rendere pubblica la loro preferenza.
Ecco come si è espressa la giuria tecnica:
1)    Giulio Silenzi (presidente della Provincia): Don Ennio Borgogna;
2)    Franco Capponi (consigliere regionale): Don Ennio Borgogna;
3)    Giorgio Meschini (sindaco di Macerata): Don Patrizio Santinelli;
4)    Andrea Brusa (capo servizi del Carlino di Macerata): Don Ennio Borgogna;
5)    Fabio Pistarelli (consigliere regionale): Iginio Straffi;
6)    Massimiliano Bianchini (assessore cultura Comune di Macerata): Don Ennio Borgogna;
7)    Giulio Conti (ex parlamentare): Maria Toni;
8)    Silvano Ramadori (presidente Consiglio provinciale): Iginio Straffi;
9)    Franco Gazzani (presidente Fondazione Carima): Maria Toni;
10)    Guido Picchio (fotoreporter): Enrico Mercuri;
11)    Alessandro Feliziani (Ufficio stampa Provincia): Cesare Bocci;
12)     Giuliano Bianchi (presidente Camera di Commercio): Don Ennio Borgogna;
13)    Francesco Massi (consigliere regionale): Saverio Marconi;
14)    Piero Ciccarelli (direttore Asur Zona 9): Don Ennio Borgogna;
15)    Paola Cardinali (assessore provinciale): Don Patrizio Santinelli;
16)    Clara Maccari (assessore provinciale): Mauro Evangelista;
17)    Daniele Salvi (assessore provinciale): Mauro Evangelista;
18)    Mario Cavallaro (coordinatore provinciale Pd): Don Ennio Borgogna;
19)    Alessandra Boscolo (assessore provinciale): Cinzia Pennesi;
20)    Alessandro Savi (assessore provinciale): Don Ennio Borgogna;
21)    Massimo Mobili (sindaco di Civitanova): Don Patrizio Santinelli;
22)    Fabio Corvatta (sindaco di Recanati): Iginio Straffi;
23)     Sergio Paolucci (sindaco di Potenza Picena): Saverio Marconi;
24)    Gianfilippo Bacci (sindaco di Cingoli): Enrico Mercuri;
25)    Franco Bordoni (sindaco di Monte San Giusto): Simone Salvi;
26)    Neila Calvigioni (sindaco di Corridonia): Simone Salvi;
27)    Cesare Martini (sindaco di San Severino): Guido Favia.
Questi invece i risultati finali del voto popolare attraverso i tagliandi pubblicati sul Resto del Carlino:
1- Maria Toni  1899 voti;
2- Don Ennio Borgogna 1603 voti;
3- Simone Salvi 1537 voti;
4- Enrico Mercuri 1173 voti;
5- Cesare Bocci 1133 voti;
6- Mauro Evangelista  520 voti;
7- Cinzia Pennesi 475 voti;
8- Guido Favia 473 voti;
9- Don Patrizio Santinelli 415 voti;
10- Igino Straffi 340 voti;
11- Luigi Yuri Gaetani 266 voti;
12- Saverio Marconi 107 voti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X