“Non c’è alternativa al rigore”
La politica sociale salva Carancini

MACERATA - Sindaco e assessori fanno il bilancio del 2011 nel tradizionale incontro di fine anno
- caricamento letture

Giunta-Carancini22-300x225

di Matteo Zallocco

Segnali della “nuova storia caranciniana”: come location del tradizionale incontro di fine anno con la stampa l’Amministrazione comunale di Macerata ha scelto la sala Romolo e Remo di Palazzo Buonaccorsi (“un luogo di cultura e di dialogo”, l’ha definito il sindaco) anziché la sala consiliare.
Tanti buoni propositi (“Proveremo a superare la crisi parlando di persone attraverso i fatti”) ma le casse piangono (“E’ stato un 2011 all’insegna del rigore”) e così sotto l’albero i maceratesi si ritrovano più speranze che fatti. Fatti che Romano Carancini elenca con una certa soddisfazione ma andandoli ad analizzare traspare un’Amministrazione molto attenta alle piccole cose, apprezzabile sui servizi sociali,  ma ancora incapace di sviluppare una visione programmatica della città, colpa sicuramente della crisi economica e dei tagli del Governo, ma anche di una maggioranza – e questo Carancini non lo dice – che spazio alle nuove storie (?) sembra proprio non volerlo lasciare.
amministrazione-mc_7882-300x176“I vincoli esterni – ha ricordato il primo cittadino – ci hanno costretto, nel 2011, a migliorare la performance economica (ossia il saldo tra entrate e uscite) di 25 volte rispetto al 2010. E’ un obiettivo importante che abbiamo centrato, rispettando il Patto di Stabilità. Pur essendo diminuiti di 2 milioni e 400mila euro i trasferimenti dallo Stato e dalla Regione, ce l’abbiamo fatta effettuando tagli strutturali al personale (-3,75% per un risparmio di 500mila euro), ai costi amministrativi (-15%), alle spese di funzionamento (Enel, telefoni ecc. per un risparmio di  60.000 euro).
Amm.Carancini-Conferenza-di-fine-anno12-300x225Del bilancio comunale il 55% è stato riservato al sociale, il 19,3% alla cultura e l’11% alla scuola. La politica sociale (“Le persone sono al centro della nostra attività amministrativa”) ha consentito di spendere 600mila euro per contributi di affitto a 568 persone; 150mila euro sono stati destinati alla Caritas per assicurare 5mila pasti ai bisognosi mentre sono stati elargiti 205 contributi economici per assistenza alle famiglie indigenti. Con il fondo anticrisi sono state assistite 43 persone. A gennaio sarà pubblicata la graduatoria degli alloggi popolari. Sono stati concessi contributi per 450mila euro per la retta degli anziani assistiti mentre 500mila euro sono andati per l’assistenza scolastica ai disabili (“mantenendo fondi annullati a livello nazionale”) e ne hanno beneficiato 89 famiglie.
Il sindaco ha poi evidenziato “la valorizzazione dei grandi contenitori culturali: oltre al Buonaccorsi, la biblioteca Mozzi-Borgetti, il Lauro Rossi e Palazzo Trevi Senigallia, i cui lavori per gli interni sono partiti nei giorni scorsi e tra circa un anno dovrebbero essere finiti”.
carancini_7929-300x198Quindi Carancini ha definito “il progetto più importante di quest’anno il protocollo d’intesa con la Regione per l’allestimento della Pinacoteca a Palazzo Buonaccorsi”. Ha parlato “del rafforzamento della collaborazione con Musicultura, finalmente diventato un Festival che coinvolge tutta la città con tante iniziative”. Ha annunciato una mostra su Padre Matteo Ricci alla Mozzi Borgetti tra due mesi (“Lui e Tucci sono due figure straordinarie che potranno permetterci di rapportarci con altri Paesi, dobbiamo valorizzare l’anima orientale di questa città”). Infine Carancini ha parlato di “uno straordinario incremento di turisti fino a ottobre inoltrato, cosa che a Macerata non si era mai vista”.

carancini-manzi2-300x225Capitolo lavori pubblici. “E’ stato impegnato un milione e 400mila euro per un totale di 578 interventi tra cui i più importanti sono la rotatoria di via Pancalducci e l’asfaltatura dell’anello intorno alle Mura fatto dopo 20 anni. E’ stata poi rispettata la priorità per quanto riguarda la realizzazione dei nuovi impianti sportivi a Collevario, che saranno inaugurati a breve”. E ancora: “Sono state fatte tante piccole cose, per esempio la potatura degli alberi di viale Leopardi che non veniva fatta da decenni”.
E le grandi opere? “E’ opportuno spiegare che ci sono dei vincoli di legge che bloccano l’Amministrazione. Le piscine si faranno, ad oggi il progetto principale resta quello di Fontescodella ma se l’Università non riuscirà  a coprire l’ulteriore richiesta di 750mila euro dovremmo valutare  se abbiamo la disponibilità di spendere un milione e 500mila euro da soli”. L’ipotesi alternativa resta la seconda piscina in viale D. Bosco.
Per quanto riguarda il palasport di Fontescodella il sindaco ha precisato “di aver presentato un progetto di adeguamento per riuscire a rendere subito idonea la struttura, ma dobbiamo essere d’accordo in due e la Lube vuole qualcosa in più per cui stiamo ragionando con loro nuove soluzioni. Purtroppo dalla Provincia non sono arrivate risposte, capisco che attualmente la situazione per gli Enti è drammatica. Voglio anche sottolineare che non esiste nessuna penale da 450mila euro a differenza di quanto dichiarato dal Pdl”.
Difficile invece la realizzazione della via Mattei-Pieve (“Come già detto in questo momento i fondi non sono rintracciabili”) mentre sulla Cittadella dello sport dice che “non ci sono le condizioni economiche, inoltre ci sono questioni tecniche e giuridiche che vanno risolte prima della scelta politica. Ora la destra vuole apparire diversa da quello che è visto che in Commissione e in Consiglio aveva votato a favore della Cittadella, mentre io mi sono astenuto”.
Amm.Carancini-Conferenza-di-fine-anno52-300x225Carancini replica al Pdl anche sul fallimento della trattativa Smea-Cosmari: “Pistarelli non dice la verità quando parla di una perdita di 1milione e 750mila euro, si tratta di 1milione e 350mila euro che avremmo ridato al Cosmari nel giro di cinque anni vista la loro richiesta di farci pagare il 4% dello stipendio dei dipendenti. A questo ricatto non ci siamo stati. Prima di parlare di fallimento il Pdl dovrebbe vedere i bilanci e proporre alternative: come ha già detto qualcuno questo è il bilancio più duro della storia, non solo per lo Stato e per le Regioni, ma anche per i Comuni”.
Sulla storia infinita dello Sferisterio il sindaco ribadisce quanto deciso dal Cda (leggi l’articolo) con la scelta del nuovo direttore artistico entro il 30 dicembre per il dopo Pizzi. “I contrasti con Pettinari si sono appianati dopo aver definito un metodo per arrivare al direttore artistico, abbiamo chiesto ai quattro professionisti individuati uno schema progettuale e lo valuteremo”. I dati del bilancio? “La contabilità si chiude a fine anno come in ogni azienda, quella del deficit di 350mila euro è una notizia falsa, purtroppo oggi a Macerata c’è una parte politica che tende a creare solo confusione, conflitti e preoccupazione”.
amministrazione-comunale_5892-300x217La verifica politico-amministrativa ha indebolito la Giunta? “Non lo so, di sicuro la nostra disponibilità ad una maggiore partecipazione nel metodo è stata rispettata e stiamo lavorando in modo proficuo con la maggioranza. Mi sono opposto con massima convinzione al rimpasto di Giunta perché credo che a tutti gli assessori vada dato il tempo necessario per raggiungere gli obiettivi. Ribadisco la mia disponibilità ad individuare un miglior assetto delle deleghe, ma per farlo dobbiamo essere d’accordo tutti”.
Sul famigerato parcheggio di Rampa Zara il sindaco ricorda che “gli uffici stanno lavorando ad un’ipotesi progettuale”.
Una svolta rispetto al passato viene indicata nei “No alla Giorgini e allo scempio del fotovoltaico a Boschetto Ricci”. Mentre la Giunta itinerante viene definita “il simbolo di questa amministrazione, capace di dialogare e far sentire protagonisti anche i cittadini senza mai tirarsi indietro”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X