Ascensore sui palchi allo Sferisterio,
il presidente dell’Ordine degli architetti:
«Barbari, sradicano secoli di cultura»

MACERATA - Vittorio Lanciani chiede un concorso di idee per mettere mano all'abbattimento delle barriere architettoniche in Arena: «sventurata scelta progettuale, avulsa da approcci tutelari nei confronti del patrimonio storico architettonico a noi giunto dai ben pensanti predecessori»

- caricamento letture
politeama-sisma-rotary-vittorio-lanciani-5-e1676818640779-325x214

Vittorio Lanciani

di Luca Patrassi

«Barbari». L’affare dell’ascensore allo Sferisterio visto dall’Ordine degli architetti della provincia di Macerata. Ad intervenire, lanciando un missile dialettico, è il presidente Vittorio Lanciani. A voler usare un po’ di malizia e fare dietrologia magari si possono immaginare  sullo sfondo un mai sopito “razzismo” professionale (architetti contro ingegneri e viceversa) ed anche un attacco all’assessore comunale ai Lavori Pubblici, l’avvocato Andrea Marchiori, che ha difeso l’operato degli uffici sulla storia dell’ascensore entrando in rotta di collisione con l’assessore al’Urbanistica Silvano Iommi. In ogni caso l’architetto Lanciani va giù duro, ecco il suo intervento: « Siamo giunti al dunque. La prova dell’arrivo al limite del precipizio è oramai palesata. Nel momento in cui la scusante del “pragmatismo tecnologico”, o della “necessaria rifunzionalizzazione”, vengono sbandierati a supporto di una sventurata scelta progettuale, avulsa da approcci tutelari nei confronti del patrimonio storico architettonico a noi giunto dai ben pensanti predecessori, siamo di fronte a barbarici attacchi culturali sradicanti secoli di cultura».

cartongesso-palchi-sferisterio

La foto pubblicata da Andrea Marchiori, scattata durante una simulazione

Aggiunge il presidente dell’Ordine degli architetti: « Lo Sferisterio di Macerata, conosciuto in tutto il mondo, associato alla più alta forma di arte quale è la musica, pretende un dibattito integrato di discipline culturali anche solo per le più semplici opere di manutenzione ordinaria. La necessità di rispondere alle normative in materia di abbattimento delle barriere architettoniche rappresenta una tematica a cuore di una possibilità progettuale che può rappresentare una occasione di raccolta di idee attraverso la formula del concorso di idee. Maggiormente necessaria quando gli occhi del mondo intero stanno a guardare». L’attacco di Lanciani: «La superficialità di perseverare nel proporre quanto enti preposti hanno rigettato, dimostra la totale assenza di professionalità e competenza alla base delle scelte progettuali, ancor più quando a proporre è l’ente pubblico nel potere che rappresenta. L’Ordine degli Architetti di Macerata vigila nel territorio provinciale al fine di tutelare quanto rappresenta il patrimonio collettivo, sia esso paesaggio, architettura, arte e cultura. Impossibile rimanere in silenzio di fronte a tali fatti. Urge un cambio di approccio al fine di preservare per le generazioni future quanto di prezioso abbiamo. Chiediamo dunque immediato riferimento al concorso di idee, quale strumento per poter potenziare l’offerta di soluzioni progettuali integrate da visioni trasversali che ne arricchiscono i contenuti garantendo risultati dignitosi».

 

Ascensore Sferisterio, la giunta delibera: «Non si alteri l’assetto visivo interno». Marchiori: «Giusto valutare ipotesi»

No in giunta all’ascensore sui palchi La maggioranza torna a spaccarsi per l’Accademia negli ex capannoni Rossini

Incompiute, isolamento viario e la ‘strada nuova’ ultraquarantenne. Macerata lumaca esce dal guscio col sottopasso

Sferisterio, ascensore al posto dei palchi. Il Comune: «Studiamo diverse soluzioni» Ma da un anno presenta la stessa

Due palchi chiusi con il cartongesso per l’ascensore allo Sferisterio. Tensione in giunta, delibera bloccata

Sferisterio, Iommi boccia il piano: «Troppo impattante, c’è un’altra soluzione»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X