E’ morto il dottor Gino Dichiara,
un luminare dell’Oculistica
Fondò il reparto a San Severino

LUTTO - Aveva 78 anni, viveva a Pollenza. Il suo cuore ha cessato di battere a seguito di una malattia. Storico primario, anche a Macerata, fu il primo nelle Marche ad effettuare un trapianto di cornea. Il ricordo del nipote Ramovecchi: «E' stato un innovatore nel campo professionale, all’avanguardia per le tecniche operatorie e diagnostiche». ll funerale si svolgerà domani alle 16 nella Chiesa Santa famiglia di Casette Verdini
- caricamento letture
gino-dichiara-e1652023580298-325x280

Gino Dichiara

 

di Francesca Marsili

Lutto nel mondo della sanità per la scomparsa del dottor Gino Dichiara, storico primario del reparto di oculistica di San Severino, da lui stesso fondato, e di Macerata. Si è spento ieri sera, all’età di 78 anni, nella sua casa di Pollenza, a seguito di una malattia. In pensione dall’attività ospedaliera nel 2010, ha poi continuato a svolgere la professione di oculista come libero professionista fino al 2019, quando purtroppo, le sue condizioni di salute, lo hanno costretto a fermarsi. Una vita dedicata totalmente all’oftamologia: le sue grandi doti professionali sommate a quelle di brillante innovatore, lo hanno reso un punto di riferimento per la sanità regionale e oltre. Aveva introdotto tecniche avanzate nella cura di diverse patologie oculari al punto di essere stato, negli anni ’90, il primo oculista nelle Marche ad effettuare un trapianto di cornea. Il dottor Dichiara, nei primi anni ’80, dopo essere stato il primo oculista ad essere assunto nell’ospedale di San Severino Marche, aveva fondato il reparto nel quarto piano del nosocomio per poi assumerne la dirigenza fino al primo aprile del 1999. Quel reparto che oggi è, grazie al suo contribuito, un fiore all’occhiello della sanità regionale.

Proprio nella sua Unità di oculistica, nei primi anni’90, Dichiara è stato uno dei primi oculisti nelle Marche a sviluppare la tecnica chirurgica della vitrectomia per trattare il distacco della retina che fino ad allora veniva praticata in pochi centri in Italia. E’ stato anche uno dei primi oculisti nella Marche a impiantare il cristallino artificiale negli interventi di cataratta evitando al paziente di portare lenti spessissime. Successivamente, si era trasferito nell’ospedale di Macerata dove ha diretto il reparto di oculistica fino al suo pensionamento nell’agosto del 2010. Il ricordo della figura del noto e stimato professionista sanitario arriva dalle parole del nipote, il dottor Vincenzo Ramovecchi, direttore dell’Unità operativa di oculistica dell’Area Vasta 3 che da lui ha ereditato la passione per questa disciplina medica.

«Mio zio è stato per me un punto di riferimento, un padre. Ha due grandi meriti – racconta – oltre ad avere creato il reparto di oculistica a San Severino, è stato un innovatore nel campo professionale, all’avanguardia per le tecniche operatorie e diagnostiche, sempre costantemente aggiornato. Ricordo che portò a San Severino il presidente della Banca degli occhi di Baltimora da dove allora si ricevevano le cornee per i trapianti, quella di Fabriano ancora non esisteva. Aveva lungimiranza, teneva molto sia all’aggiornamento professionale sia alla tecnica diagnostica e chirurgica, oltre ad essere un uomo estramamente onesto». Il dottor Gino Dichiara lascia i figli Francesco, Annalisa e Laura e la sorella Rita. Il funerale si svolgerà domani alle 16 nella Chiesa Santa famiglia di Casette Verdini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X