Fratelli d'Italia

«Ho due nipoti arruolati, un’ansia continua
Dolore immenso per una guerra tra fratelli»

TREIA - La testimonianza di Julia Schevchenko, 33enne ucraina che la città ha accolto nella sua comunità qualche anno fa. A lei la telefonata di conforto del sindaco Capponi, che si è detto anche disposto ad accogliere i suoi parenti: «Ringrazio tanto la disponibilità e la vicinanza che mi sono state dimostrate, in questo momento è difficile tutto. per cui anche muoversi da lì è praticamente impossibile. Non so come finirà»
- caricamento letture
Un-palazzo-bombardato

Un palazzo bombardato

 

«Questa è una guerra tra fratelli, un dolore immenso». Sono le parole di Julia Schevchenko, 33enne ucraina che Treia ha accolto nella sua comunità qualche anno fa, come tanti altri. A lei è arrivata la telefonata del sindaco Franco Capponi. Una telefonata di conforto e interessamento, a nome dell’Amministrazione e di tutta la cittadinanza, in merito all’attuale drammatica situazione dell’Ucraina, sotto il bersaglio degli attacchi russi.

La 33enne, che a Treia vive con suo figlio di 9 anni, ha tutta la famiglia in Ucraina e sta vivendo giorni terribili: «Sono molto in pensiero – dice – è una situazione surreale e incredibile. Mia madre, una mia sorella, alcuni dei miei zii e cugini sono a Odessa e cerco di essere in contatto con loro, ma anche sentirci non è sempre semplice. È una situazione davvero difficile, un dolore forte, sono in continua ansia. Ho due nipoti, di 24 e 25 anni che sono stati arruolati. Gli altri, invece, quando suona la sirena cercano tutti di nascondersi in una sorta di bunker e proteggersi dai bombardamenti».

Il-sindaco-di-Treia-Franco-Capponi-4-325x217

Il sindaco Franco Capponi

«In Ucraina non pensavano che le truppe russe avrebbero invaso tanti territori – ha aggiunto la giovane – Questa mattina sentivo che la situazione sta ulteriormente peggiorando, Putin non è contento di non essere riuscito a prendere ancora nessuna città ucraina, perché stanno facendo resistenza e potrebbero iniziare attacchi dal mare. Muoiono tante persone, non solo militari, anche civili, sono davvero preoccupatissima. Ho un’altra sorella che abita in Russia.  La mia famiglia – continua – abita a 700 chilometri dalla frontiera, non è facile riuscire a spostarsi, le strade sono tutte chiuse e occupate dai carri armati».

Il sindaco Franco Capponi ha offerto aiuto a Julia e la sua famiglia dicendosi pronto ad accoglierli a Treia: «Ringrazio tanto la disponibilità e la vicinanza che mi sono state dimostrate, in questo momento è difficile tutto per cui anche muoversi da lì è praticamente impossibile, non so come finirà».

Intanto anche Treia ha voluto pubblicare l’immagine della notizia della bambina nata nella metropolitana-rifugio di Kiev: una luce di speranza e di vita in una situazione drammatica.

post-treia-ucraina

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni = 1