Maika Gabellieri lascia la Lega
«A Civitanova è un partito fantasma»

POLITICA - Decisione presa in contrasto con la dirigenza locale e Pollastrelli: «L’immobilismo regna sovrano, il Carroccio in città sta mostrando da tempo difficoltà a relazionarsi col territorio». L'ex assessore chiude con una dichiarazione in vista delle prossime amministrative: «Il mio non è di certo un addio alla politica, ma è una dichiarazione di volontà nel portare avanti la passione per il mio territorio»
- caricamento letture
maika-gabellieri-lega-civitanova-FDM

Maika Gabellieri

 

Maika Gabellieri lascia la Lega. Ad annunciarlo è l’ex assessore alla cultura e turismo della giunta Ciarapica a Civitanova, che sotto il partito di Matteo Salvini ha partecipato come candidata consigliere alle scorse elezioni regionali. Lo strappo è motivato dalla mancanza di condivisione di obiettivi con la dirigenza locale della Lega, guidata da Giorgio Pollastrelli. «Dopo un lungo periodo di riflessione, osservando l’andamento e l’operato della Lega civitanovese, sono giunta a prendere una sofferta ma inevitabile decisione. Decisione presa dopo aver atteso a lungo un cambiamento di rotta da parte del partito locale, tanto declamato sia dal commissario cittadino, che dal coordinatore provinciale, ma di fatto mai avvenuto. L’immobilismo regna sovrano, o meglio tutto apparentemente tace e l’attitudine è quella di fare politica in modo clandestino e segreto dove gli attori non fanno sapere neppure qual è la “mission”», dice la Gabellieri che contesta anche il modo di fare politica del partito in città. «Mi chiedo quale sia l’attività politica della Lega portata avanti nella nostra città – prosegue – il partito cittadino sta mostrando da tempo difficoltà a relazionarsi col territorio, presentando grandi lacune nel creare una squadra pronta a operare in modo serio e puntuale in un territorio che ancora presenta problematiche a cui dover proporre soluzioni. Un commissario cittadino fantasma che ha poco tempo per il territorio, non comunica con gli iscritti, non dà notizie degli eventi in programma e soprattutto non presenta idee chiare sul da farsi. Una Lega, quella civitanovese, che rimane stretta al suo simbolo senza essere capace di esprimerne l’idea e l’anima. Ora, rimanere fermi a guardare i tanti giochetti “politici” di chi deve vedere realizzare chissà cosa, non mi pare né corretto, né coerente con la mia persona e con il mio fare politico e, tanto meno con il mio elettorato che mi ha sostenuto alle scorse elezioni regionali». Diverso il giudizio della Gabellieri sulla Lega a livello regionale «il commissario regionale Riccardo Augusto Marchetti, è stato in grado di organizzare una buona squadra di lavoro per operare sul territorio, risultando un partito presente, responsabile e soprattutto capace di portare risultati; purtroppo altrettanto non si può dire dell’andamento a Civitanova. La nostra città è la più importante della provincia, una tra le più importanti della regione e non merita di certo una conduzione latente come quella che sta mostrando. Il mio non è di certo un addio alla politica, ma è una dichiarazione di volontà nel portare avanti la passione per il mio territorio e le mie idee con coerenza e concretezza». E proprio su quest’ultimo punto si aprono scenari in vista delle prossime elezioni amministrative che porteranno al voto Civitanova nella primavera del 2022. Dopo un anno “in stand by” la Gabellieri pare pronta a ripresentarsi alle elezioni e sicuramente farà parte della partita, ma occorre capire in che ruolo e sotto quale lista o partito. Non è escluso possa presentarsi sotto una civica come fu Vince Civitanova e pare che proprio il vicesindaco Fausto Troiani sia al lavoro su di una civica che coinvolga nomi forti e capaci di attirare un vasto bacino di voti. Certo sarebbe da ricucire lo “strappo” con il sindaco Fabrizio Ciarapica che lo scorso anno poco prima delle elezioni regionali defenestrò il suo assessore, divenuta avversario per lo scranno regionale.

 

 

Civitanova, elezioni dietro le quinte Centrodestra e centrosinistra lavorano nell’ombra



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X