Non si sono vaccinati,
11 infermieri sospesi
«Credere nella scienza è deontologico»

MACERATA - La decisione dell'Ordine in seguito alle verifiche svolte dall'Ufficio Igiene. Il presidente Di Tuccio: «Dobbiamo applicare la legge»
- caricamento letture
CroceVerde_Targa_FF-12-325x217

Sandro Di Tuccio

 

Undici infermieri sospesi in provincia perché non si sono vaccinati, «dobbiamo applicare la legge, non critico, è un Paese libero e ognuno può fare quello che vuole. Credo comunque che per chi fa la nostra professione sia deontologico credere nella Scienza» dice il presidente dell’Ordine degli infermieri, Sandro Di Tuccio. L’ordine, in seguito a verifiche svolte dall’Ufficio d’igiene, ha sospeso undici infermieri «che non hanno ottemperato all’obbligo vaccinale. L’iscrizione all’albo viene sospesa fino a che non si vaccinano o a quando producono documentazione, questo vale sino al 31 dicembre del 2021, salvo proroghe dello stato di emergenza» spiega Di Tuccio. Le persone sospese sono tutte iscritte all’albo di Macerata «tra loro c’è chi è in pensione, chi lavora all’estero, chi nelle aziende sanitarie, o in case di riposo. Dispiace perché sono colleghi ma noi siamo tenuti ad applicare la legge. Questa è una prima parte dell’accertamento dell’azienda sanitaria, probabilmente ce ne saranno altri». Secondo Di Tuccio «in provincia gli infermieri non vaccinati è un numero importante, comprese altre categorie tipo gli Oss. Io non giudici la scelta, non la condanno e non la critico perché è un Paese libero».

(Redazione Cm)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X