Pd, Vitali si dimette:
«Un segnale dopo la sconfitta elettorale
L’obiettivo? Dare nuovo slancio al partito»

POLITICA - Il segretario provinciale lascia, a differenza di quanto fatto da quello regionale. L'annuncio dopo la direzione provinciale di ieri sera: «Si apre una fase nuova che culminerà nel congresso per eleggere la nuova segreteria provinciale»
- caricamento letture
PD_Primarie_FF-6-325x298

Francesco Vitali, ex segretario provinciale del Pd

Si è dimesso il segretario provinciale del Pd Francesco Vitali. «Durante l’incontro di ieri della direzione, in coerenza con la decisione presa all’unanimità dall’intera segreteria, ha rimesso il proprio mandato alla direzione del partito», annunciano in in una nota i dem. Il segretario e tutta la segretaria avevano già rimesso il mandato a inizio ottobre, in attesa proprio della direzione provinciale che ratificasse la scelta. Scelta che ora dunque è diventata esecutiva e che va controcorrente a quanto fatto dal segretario regionale Giovanni Gostoli, che dopo la batosta elettorale ha deciso di continuare a traghettare il partito fino al congresso. Decisione che ha finito per lacerare ulteriormente il Pd e generare accese polemiche, in primis da parte di Base riformista.  «Occorreva dare un segnale forte e concreto dopo la dolorosa sconfitta elettorale nelle ultime elezioni regionali della provincia di Macerata – dice Vitali –  Queste dimissioni oltre che personali hanno l’obiettivo di lasciare spazio a nuove idee per dare un rinnovato slancio al partito, cercando di superare le tante contrapposizioni interne vissute in questi anni che troppo spesso hanno caratterizzato la nostra federazione molto più delle altre». Il comunicato del Pd Macerata prosegue: «Il dibattito è stato leale e partecipato, in tutti gli interventi  è stato ringraziato il segretario provinciale per il lavoro svolto con grande equilibrio e spirito di servizio e soprattutto nella difficoltà di un periodo così complesso. Numerosi gli interventi alla discussione compreso quello del neo consigliere regionale Romano Carancini, che da unico eletto Pd della provincia, dovrà essere parte integrante del nuovo percorso che il partito provinciale si troverà ad affrontare. Per il Pd si apre una fase nuova che culminerà nel congresso per eleggere la nuova segreteria provinciale – conclude la nota -. Sarà l’Assemblea del partito a decidere la figura e le modalità per traghettare il partito fino a quel momento. Certo è che quell’unità e quella voglia di ricostruire  tante volte annunciate dal dibattito dell’ultima direzione presieduta da Francesco Vitali sembrano più concrete».

Pd, Carancini a Gostoli: «Trasmesso un pessimo messaggio Il partito deve cambiare»

Nel Pd volano gli stracci, Morani: «I dirigenti scelgono di autoconservarsi Una decisione imbarazzante»

I dirigenti Pd si riciclano traghettatori, Acquaroli ha la strada spianata

«Il Pd verso una “farsa costituente” Chiediamo il commissariamento»

«Basta operazioni sottobanco, da anni predichiamo il cambiamento» Il nuovo Pd secondo Catena e Morgoni

Macerata, il Pd riparte dai garanti

Pd, tra l’assemblea e il congresso la nomina dei “traghettatori”

Pd, Vitali rimette il mandato e lancia un monito: «Evitiamo iniziative di corrente»

Pd alla resa dei conti in Regione, provincia e a Macerata Mangialardi prende tempo, Catena accelera

Catena non fa sconti al “suo” Pd: «Una catastrofe che nasce da lontano E’ ora di cambiare classe dirigente»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X