Covid, premi agli operatori sanitari
Castelli bacchetta Ceriscioli:
«Che fine hanno fatto i 20 milioni?»

L'EX SINDACO di Ascoli, ora responsabile nazionale enti locali di Fratelli d'Italia: «Da settimane tutto tace e scopriamo che quei soldi non sono frutto del buon cuore del governatore delle Marche ma rappresentano, in larga parte, somme contrattualmente dovute agli operatori sanitari»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Guido Castelli

 

«Che fine hanno fatto i 20 milioni di premialità per gli operatori sanitari che Luca Ceriscioli aveva annunciato in pompa magna di voler riconoscere agli “eroi” della pandemia? Sono passate settimane, si parlava di premi consistenti (di almeno 1.000 euro) in favore di quanti, sul fronte ospedaliero, ci hanno protetti dal Covid 19. Ancora tutto tace ma nel frattempo scopriamo che quei 20 milioni non sono frutto del buon cuore di Ceriscioli ma rappresentano, in larga parte, somme contrattualmente dovute agli operatori sanitari». Sono parole di Guido Castelli, ex sindaco di Ascoli ed ora responsabile nazionale enti locali di Fratelli d’Italia.

«Entriamo nel dettaglio – continua Castelli – rispetto al totale, ben 11 milioni sono il corrispettivo delle prestazioni aggiuntive legittimante maturate dal personale dipendente. Lo stesso dicasi per altri 6 milioni che provengono da uno stanziamento dello Stato finalizzato a remunerare obbligatoriamente indennità contemplate dal contratto. Insomma: nessun premio elargito per grazia regionale ma diritti legittimi di medici e paramedici. Può sembrare una questione di forma ma non lo è. La politica (Conte docet) la deve smettere di condizionare la vita delle persone pretendendo di qualificare come premio ciò che è, al contrario, doveroso corrispondere agli italiani. A questo si aggiunga come, nel caso di specie e sul piano economico, il famoso premio non avrà la consistenza di cui si vociferava con tanta iattanza. Secondo fonti sindacali non si tratterà di mille euro ma, al netto delle tasse, di poco più di 250 euro. Tanto vale, secondo Ceriscioli, l’abnegazione dei dipendenti del servizio sanitario regionale. Ogni commento è superfluo».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X