Speronamento e sparatoria:
choc a due passi dal centro
(Foto e video)

DUE UOMINI hanno fatto fuoco per evitare la cattura dopo essere stati intercettati dalla polizia. E' accaduto a San Benedetto. Si tratta di due tunisini protagonisti di un fatto di sangue nel Fermano. Un malvivente è stato arrestato, l'altro è riuscito a scappare
- caricamento letture
La zona del fattaccio con la Bravo bianca ferma dopo lo speronamento

 

Speronamento da parte della polizia, sparatoria e fuga in pieno all’ora di punta, a due passi dal centro. Uno dei due malviventi, è ancora in fuga. Erano ricercati dopo il fatto di sangue accaduto nella giornata di venerdì in un casolare di campagna a Torre di Palme (Fermo): uno scontro brutale in piena regola, tra bande di nordafricani, che ha causato diversi feriti, di cui uno gravissimo.

WhatsApp-Image-2020-02-01-at-14.38.45-e1580569079567

L’auto speronata in via Marsala

La forze dell’ordine erano sulle tracce di due dei tre tunisini protagonisti del fattaccio. Dopo averli seguiti, hanno evidentemente ritenuto opportuno tentare la cattura quando l’auto su cui viaggiavano, una Fiat Bravo bianca con cui erano arrivati in Riviera, transitava in via Marsala. Forse i due si erano accorti di essere seguiti, allora si è ritenuto di tentare la cattura. Il tentativo però è andato a buon fine per metà. Durante lo speronamento, infatti, sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco, senza conseguenze per nessuno, ed uno dei due è riuscito a scappare. L’altro, invece, è stato arrestato dai militari. Tanto lo spavento per le persone che hanno assistito all’evento o per chi è stato richiamato dagli spari. Ora la caccia all’uomo prosegue con la Polizia sulle tracce dei due malviventi ancora in libertà.

WhatsApp-Image-2020-02-01-at-14.38.46

WhatsApp-Image-2020-02-01-at-14.38.46-1

WhatsApp-Image-2020-02-01-at-14.38.45-1



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X