Cipressi tagliati al cimitero,
Seri: «Un atto scellerato»

COLMURANO - Il consigliere di minoranza contro la scelta dell'amministrazione di abbattere 11 esemplari: «Sembra una vera e propria fobia quella del Comune, le piante sono un patrimonio e vanno tutelate»
- caricamento letture
alberi-tagliati-al-cimitero-colmurano-4-300x400

Ironico manifesto funebre su un tronco tagliato

 

Undici alberi sono stati abbattuti all’ingresso del cimitero di Colmurano. Andrea Seri, consigliere di minoranza, definisce la decisione dell’amministrazione di tagliare le piante all’esterno delle mura cimiteriali «un atto scellerato».   «Sembra una vera e propria fobia quella del Comune contro gli alberi, – continua Seri – infatti in passato furono tagliati degli alberi che coronavano la strada lungo le mura nord-ovest, poi furono abbattuti due tigli malati nei giardini, mai ripiantati, simbolo di 22 compaesani morti in guerra, un albero per ogni caduto». Il taglio al cimitero risale a sabato scorso. «Si è consumata l’ultima follia  – il consigliere – di un amministrazione oramai senza controllo e alla deriva. Sono stati abbattuti 2 cipressi e 9 abeti dei 13 alberi, cresciuti spontaneamente, in ordine sparso e che hanno accompagnato tanti compaesani al cancello d’ingresso dell’ultima dimora. Una scelta che sembra non rispondere a nessun criterio di intelligenza. Quelle piante facevano parte del corredo del cimitero, non creavano disturbo alcuno, non erano pericolose, non erano neanche malate».  Alla ricerca delle motivazioni Seri si domanda: «Forse perché qualche cittadino ha detto che quei cipressi non erano in ordine come quelli piantati all’ingresso del nuovo cimitero adiacente, o che quelle piante non erano bellissime? La realtà sacrosanta  è che tutte le piante, indipendentemente dalla specie e della bellezza, ci donano ossigeno e sono un patrimonio da tutelare».

alberi-tagliati-al-cimitero-colmurano-2-488x650

 

alberi-tagliati-al-cimitero-colmurano-3-1-650x488

alberi-tagliati-al-cimitero-colmurano-1-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X