Due pratiche al mese per ricostruire:
«Così non va, ci vorranno anni»

SAN SEVERINO - Il sindaco Rosa Piermattei ha portato i dati in Consiglio comunale: «Ci stiamo muovendo per chiedere che si acceleri»
- caricamento letture

Rosa-Piermattei_Foto-LB

Rosa Piermattei

 

«Sono poche le pratiche presentate e finanziate, ci stiamo muovendo per chiedere che si acceleri. Altrimenti passeranno anni ed anni per portare a termine i lavori da fare». A San Severino ci sono oltre mille case inagibili dopo il terremoto del 2016. E il sindaco Rosa Piermattei è preoccupata. Le pratiche per la ricostruzione procedono a passo di lumaca. Piermattei ha portato i dati in Consiglio comunale, leggendoli in apertura dei lavori. Dall’ultima assise, poco più di un mese fa, sono solo due le pratiche in più presentate. Anche i ritmi di approvazione e di finanziamento sono lenti. A San Severino, a oggi, ci sono 246 domande presentate per i danni lievi, 118 sono in fase di istruttoria: la metà. Approvate ancora di meno: 18. Di queste, finanziate, solo 11. Otto in più rispetto all’ultimo Consiglio comunale.  

edificio-di-via-Bramante-san-severino-4-325x183

Demolizioni a San Severino

Il Consiglio comunale è servito per fare il punto anche sul resto della situazione post sisma. I sette alloggi da acquistare richiesti all’Erap  sono state ultimati e a breve si potrà procedere all’assegnazione. Per quanto riguarda il villaggio sae di Campagnano saranno consegnate due casette non appena sarà pervenuto il rilascio definitivo. Nell’area è stato fatto anche un bando per un’edicola e punto ristoro. All’appello ha risposto solo una ditta e si stanno verificando i requisiti di assegnazione. Le famiglie con la casa inagibile hanno ricevuto il contributo di autonoma sistemazione di febbraio, sono 884, per un totale di 673mila euro. Sono rimasti fuori 5mila euro da dare ad alcune famiglie. Gli uffici hanno completato l’istruttoria per il mese di marzo, per 671mila euro, ma i soldi non sono ancora arrivati. In albergo dopo il terremoto ci sono ancora 45 famiglie, di cui 35 dormono in strutture di San Severino. Nel Comune restano 5 edifici da demolire, ne sono già stati demoliti ben 45, completate tutte e 33 le messe in sicurezza previste, di cui stanno terminando le ultime due. Si prevede che a metà maggio termineranno i lavori al Glorioso per il centro Il Girasole. Per la scuola provvisoria al rione di Contro, si è in attesa degli arredi da parte del ministero dell’Istruzione, sarà pronta per l’inizio dell’anno scolastico il prossimo settembre.

AmbulanzaTra gli altri temi affrontati in Consiglio l’arrivo del mammografo nell’ospedale di San Severino, dove entro fine maggio dovrebbe essere attiva tutti i giorni l’ambulanza medicalizzata h24. Il Consiglio ha anche votato la restituzione della lottizzazione di Colmartino perché le abitazioni previste non sono mai state costruite, anche per problemi della ditta. Sono state portate a termine dodici varianti al piano regolatore generale, con riequilibrio della cubatura per costruire e la previsione di aree verdi, relative alle zone Collicelli, Uvaiolo, Taccoli, Glorioso, Cesolo, San Pacifico, Scaloni, Ponte Sant’Antonio e rione di Contro. In questo ultimo caso, a di Contro per edificare nuove abitazioni è prevista la realizzazione di un sottopasso ferroviario e di una rotonda lungo la provinciale 361 Settempedana. Nella convenzione, come fatto notare da Massimo Panicari, non era specificato che le opere devono essere a carico del privato lottizzante. Alla fine dopo una lunga discussione, la maggioranza ha proposto un emendamento che prevede, in sede di stipula di convenzione con il privato, la valutazione della compartecipazione finanziaria del Comune alla realizzazione di queste due opere, in quanto trattasi di opere accessorie di interesse pubblico, che danno una sistemazione alternativa all’ingresso in città. Durante la discussione il sindaco Rosa Piermattei ha escluso la possibilità di fare in quella zona la futura scuola, perché vi sarebbero problemi del terreno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X