Quadrilatero, eliminata la “trappola”:
via oggi il limite di 90 km/h

VIABILITA' - L'Anas ha firmato l'ordinanza: non c'è più lo spauracchio nel tratto Sfercia-Muccia. Velocità massima di 110 km/h in tutta l'arteria. Il presidente della Provincia Pettinari: "La segnaletica è stata già sistemata"
- caricamento letture
limite-90-in-superstrada-650x434

Il cartello che indicava il limite di 90 tra Sfercia e Muccia

 

di Maurizio Verdenelli

E’ cessato da questa mattina l’incubo degli automobilisti ‘vessati’ sulla nuova quattrocorsie Civitanova-Foligno. Sull’intera arteria vige da oggi dunque un’unica normativa in riferimento al limite di velocità: 110/km orari. Cassati quei ‘maledetti’ sette chilometri che da Sfercia (Camerino) allo svincolo di Muccia imponevano a sorpresa e senza motivazione alcuna il limite di 90 km/ora. “L’ordinanza è stata firmata dal capo compartimento Anas regionale di Ancona e la relativa segnaletica è stata già sistemata sul percorso: e quest’ultima ‘cosa’ l’ho potuta constatare personalmente” annuncia il presidente della Provincia, Antonio Pettinari, reduce da Montecavallo dove nella mattinata ha presieduto al ‘Nido dell’Aquila’ ad una delle cerimonie della manifestazione legata alla ‘lotta contro lo spreco alimentare’. “Il limite di 90 km/orari sul tratto Sfercia-Muccia che persisteva anche dopo l’inaugurazione della superstrada il 28 luglio 2016, non era naturalmente senza senso ma fondato su una ragione tecnica semplice seppure difficile da capire per l’automobilista che si trovava a dover decelerare improvvisamente e non sempre con successo”, spiega l’architetto Fabrizio Romozzi, già direttore generale della Quadrilatero che ha realizzato l’opera. “La spiegazione è logica. Il tratto, percorribile grazie ad un’autorizzazione di esercizio provvisorio, fino a ieri non era stato ancora tecnicamente completato. In pratica ad non essere stati completati erano tutti i collaudi tipici della situazione cantieristica nella quale ancora quei sette chilometri versavano. Una volta esauriti tali collaudi, l’opera è stata consegnata e dunque dall’Anas equiparata al resto dell’arteria. In una parola: le strisce gialle sono diventate bianche”. Non più patemi, entro i 110 kM/orari s’intende per chi percorre la nuova statale Valdichienti, in quel perimetro camerinese che da un anno e mezzo a questa parte era diventato il collodiano ‘campo degli zecchini d’oro’ per i comuni intorno. Un terreno di ‘caccia’ per autovelox, tanto che auto di ‘polizia locale’ hanno continuato ad incrociare, sostando nelle piazzuole adiacenti, fino a ieri. E’ certo però che il nuovo aumentato limite non autorizzerà a corse da F1 così come sta accadendo, pare, all’interno delle lunghe e comode gallerie della Nuova Valdichienti. Ulteriori presidi di accertamento a riscontrare eventuali trasgressione al limite di velocità, ora omogeneo, si stanno prefigurando dalla Stradale a conclusione da parte della Quadrilatero dell’opera di monitoraggio dell’infrastruttura (grande ‘frutto’ post sisma umbro-marchigiano) che ha visto pure un blocco temporaneo abbastanza di recente, per sistemare dislivelli all’ingresso della galleria ‘Cupigliolo’ adiacente al tunnel ‘La Palude’ dove Matteo Renzi ha inaugurato l’opera che ha riunito due province contigue eppure divise: Perugia e Macerata.

Quadrilatero, tolto il limite dei 90 km/h

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X