Segreteria Pd, Ricottini piace anche a Messi:
“Farei un passo indietro”
Vitali: “Aspetto un confronto ufficiale”

POLITICA - Il candidato dei renziani a favore della scesa in campo dell'ex sindaco di Acquacanina: "Figura che dà anche un riconoscimento al territorio colpito dal terremoto". Idem per il senatore Morgoni che invita Comi, Manzi e Sciapichetti ad "accogliere con favore il nome per tenere fede all'unità che hanno propugnato". L'attuale segretario provinciale non apre né chiude. Ma domani in conferenza stampa si presenterà ufficialmente
- caricamento letture
Osvaldo-Messi

Osvaldo Messi, sindaco di Appignano

 

di Federica Nardi

“Sono uno dei sindaci che vede assolutamente di buon occhio la candidatura di Ricottini a segretario provinciale del Pd. È una figura che oltre a puntare all’unità del partito dà anche un riconoscimento al territorio colpito dal terremoto”. A dirlo Osvaldo Messi, sindaco di Appignano e fino a oggi candidato dell’ala renziana del Partito democratico. Che di fronte al nome dell’ex sindaco di Acquacanina, proposto dal primo cittadino di Fiastra Claudio Castelletti, è “disponibile a cedere il passo per una candidatura unitaria”, dice Messi. Confermando i propositi alla base della sua scesa in campo. Nata per rimescolare le carte rispetto all’iniziale nome unico, non condiviso da tutti, dell’attuale segretario Francesco Vitali. Ma fin da subito legata alla possibilità di rinunciare per fare spazio a una persona rappresentativa in senso più ampio. “Penso che il Pd debba fare uno sforzo per unirsi piuttosto che per dividersi – prosegue Messi – E Ricottini e un nome che penso possa essere condiviso, non solo dal partito ma anche dal territorio”.

Francesco-Vitali_Foto-LB

Francesco Vitali

Sul fronte, per adesso, opposto, Francesco Vitali ha convocato domani una conferenza stampa per presentare ufficialmente la sua candidatura. Tuttavia, non si sbilancia su passi indietro o in avanti: “Aspetto un confronto, che non sia sulla stampa, per parlare di questi temi. Ho preso atto da voi della candidatura di Ricottini ma per adesso non c’è nessun contatto ufficiale. Il termine per le candidature è il 2 ottobre, fino a quel giorno ne potrebbero venire fuori anche altre”. Il senatore Mario Morgoni, rappresentante dell’area renziana del Pd, esprime apprezzamento “per la proposta di Castelletti. Utile per una soluzione unitaria e per coinvolgere una figura espressione della parte più colpita del nostro territorio. La ricostruzione è una priorità assoluta per la politica. Con il nome di Ricottini il Pd darebbe un segnale forte di coerenza tra quello che si dice di voler fare e quello che si fa. Lui ha dimostrato di essere sì un uomo di partito ma al servizio della comunità, anche dando l’esempio quando si è privato di ogni ruolo per favorire la fusione di Acquacanina e Fiastra. Il nostro candidato – prosegue – è Osvaldo Messi ma abbiamo detto che siamo pronti a condividere una soluzione unitaria e non torniamo indietro rispetto a questo. Per noi l’unità non è una bandierina ma un valore”. Su questo però “visto che Manzi e Sciapichetti avevano invocato unità proprio in nome della situazione drammatica del terremoto da loro mi aspetterei coerenza su quell’intendimento e che accolgano con favore la candidatura. E mi aspetto anche che il segretario regionale del Pd Comi, che da mesi ha propugnato l’obiettivo di un partito unito, non lo manchi proprio a Macerata, visto che è la sua terra”.

Il Pd cerca l’unione con Ricottini, “un uomo che vive i problemi del sisma”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =