Navetta per il centro da settembre:
“Non sarà gratis”

MACERATA - Amministrazione e Apm stanno definendo tempi modalità e costi del nuovo servizio che incrementerà il trasporto pubblico collegando i principali punti di interesse al cuore cittadino. L'assessore alla Mobilità Iesari: "Avrà un biglietto ma stiamo decidendo i costi"
- caricamento letture

autobus-2-450x253

 

Partirà quasi certamente a settembre, con la ripresa delle scuole, il servizio di navetta che toccherà tutti i punti sensibili di Macerata. Tutto parte dallo spostamento del terminal degli autobus da rampa Zara ai giardini Diaz e dal nuovo programma di esercizio Apm in materia di trasporto pubblico. Amministrazione e direttivo della partecipata non hanno ancora definito dettagliatamente tutto il percorso ma come anticipato dalla prima bozza della delibera sul nuovo piano di sosta toccherà gli snodi cruciali del capoluogo. Un totale previsto di 44 corse al giorno che a partire dai giardini Diaz passeranno per tribunale, stazione, ospedale, cimitero, Sferisterio, piazza della Libertà e Cancelli con di 15-20 minuti previsti di attesa tra un passaggio e l’altro.

Marco-Iesari_Foto-LB

L’assessore alla Mobilità Mario Iesari

“Nel nuovo programma di esercizio che entrerà in vigore a partire da settembre verrà potenziato il trasporto urbano – spiega l’assessore alla Mobilità Iesari – Il percorso viene valutato in queste settimane tenendo conto dell’ottimizzazione del giro in vista degli altri percorsi”. Da definire i costi. La tariffa potrebbe essere di 1,25 euro al biglietto. “Il servizio fa parte del trasporto urbano e come tale avrà un costo – specifica Iesari – l’abbonato lo avrà all’interno dell’abbonamento. Comunicheremo il costo con precisione quando verrà presentato il nuovo programma di esercizio”. La navetta servirà da connettore con i parcheggi in struttura e la stazione. “Il servizio entra in una logica di ordinarietà dai punti dove vorremmo realizzare lo scambio di modalità (come può essere il traffico in auto e la stazione ferroviaria) per raggiungere le zone più attrattive o di servizio come il centro storico, l’ ospedale, cimitero. Per la stazione ferroviaria già da tempo era richiesto un rafforzamento della linea. In questo modo ogni 15-20 minuti da lì si potrà arrivare in corso Cairoli, corso Cavour o appunto in centro. Sarà un ulteriore servizio per gli stessi residenti del cuore cittadino. Stiamo ragionando anche sugli orari. La frequenza potrebbe aumentare nelle ore di punta e rappresentare un’alternativa al muoversi in città con l’automobile”.

(Cla.Ri.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X