Pedonalizzazione promossa con riserva:
“Si poteva fare meglio”
(video-interviste al mercato)

MACERATA A PIEDI - Pareri in larga parte positivi sulla ztl h24 davanti alle telecamere di Cm tv. A non piacere sono però i metodi adottati dall'amministrazione
- caricamento letture
I commenti sulla pedonalizzazione al mercato cittadino
piazza-andrea-del-brutto

Piazza della libertà senz’auto con la torre illuminata di blu (foto di Andrea Del Brutto)

 

di Claudio Ricci

(video di Gabriele Censi)

Una piazza vuota con la torre illuminata di blu in occasione dell’Erasmus day. Un centro liberato dalle auto da oggi teatro dell’11esima edizione degli Aperitivi europei. Poi le proteste dei residenti che in una lettera chiedono al sindaco di rivedere le norme d’accesso, un Consiglio che nonostante le sollecitazioni dell’opposizione boccia la sospensione della manovra. I primi vagiti della ztl h24 in centro sono fastidiosi per alcuni ma ben accetti da altri. Almeno dalla maggior parte in base al pur ridotto campione raccolto dalle interviste di Cm Tv al mercato. Il nuovo piano con accesso off limits (salvo pagamento di 3 euro per il transito di 30 minuti e per i disabili o i titolari di permesso carico-scarico), zero parcheggi in piazza della Libertà e sosta veloce solo in piazza Vittorio Veneto sembra, non venir bocciato dai cittadini intervistati.

Ennio-Illuminati

Ennio Illuminati

Sono piuttosto i metodi e la comunicazione adottati dall’amministrazione ad essere criticati. Residenti, ex amministratori, visitatori, studenti, sono accomunati dal “basta auto” ma ognuno ha un’ idea alternativa sui tempi e i modi di applicazione delle norme. “Non si può pretendere, tutti, di trovare il posto per parcheggiare l’auto – dice Ennio Illuminati – Basta lasciarla al Park Sì e pagare 70 centesimi per lasciarla al coperto per un’ora e intanto fare un giro in centro”. “E’ inutile venire in centro quando non c’è posto per fermarsi. Anche chi vuole venire pagando 3 euro dove mette l’auto?” gli fa eco Tarcisio Raparo“.

Alberto-Montalb%C3%B2-650x366

Alberto Montalbò

Una misura troppo drastica che necessitava di un margine di tolleranza secondo lo studente Alberto Montalbò: “Anche se le zone pedonali sono sempre comode e belle, poter passare con l’auto in determinate fasce orarie poteva essere comodo soprattutto per chi lavora in centro. Potevano lasciare un paio d’ore libere”. Il residente del centro Luigi Moroni si dice d’accordo in linea di massima “ma l’amministrazione – sottolinea – dovrebbe fare in modo che ci sia una percentuale compatibile tra permessi dati e stalli disponibili E magari dovevano farli più gradualmente”. Franco Di Girolamo è un cantante lirico trasferito in città da poco: “Il centro storico ha il suo spessore culturale ma bisogna fare i conti con i commercianti che danno vita al quartiere. C’è una sinergia tra la bellezza e le attività che animano il centro”. Nelson Beltrand di Montecassiano apprezza il nuovo mood maceratese: “Le macchine passavano molto veloce dappertutto. Mi pare che ci sia un recupero nei confronti del cittadino che va a piedi. Meno auto in centro mi sembra meglio per la tranquillità di tutti”.

Giovanni-Di-Geronimo

L’ex assessore al centro storico Giovanni Di Geronimo

Interessanti i contributi dell’ex consigliere Stefano Benedetti e dell’ex assessore al centro storico Giovanni Di Geronimo. “Ero con l’amministrazione Maulo – racconta Benedetti – quando abbiamo disposto la prima radicale pedonalizzazione. Una città medievale va vissuta a piedi. Ma il problema è l’attracco. Le persone vanno educate anche con le normative. Qualcuno potrebbe fare 4 passi prima di lamentarsi”. La domanda di Di Geronimo: “Come mai in Italia e in Europa tutti i parcheggi h24 sono con i pilot e si paga all’uscita e lasciando autonomia a chi vuole entrare e a Macerata no?”. “Basta auto” va bene per Tiziana Dianetti “anche se -rileva – è un problema poi parcheggiare a Macerata.  Per fare un giro in centro devi parcheggiare in tribunale. Come in molte altre città solo che qui mi sembra tutto un po’ più esagerato”.

Savi_foto-LB

Il consigliere di Macerata Capoluogo Alessandro Savi

Sul tema interviene anche il consigliere di Macerata Capoluogo Alessandro Savi astenuto nella votazione di ieri in Consiglio: “La vera scelta di  pedonalizzazione è stata fatta quando il Consiglio Comunale ha approvato l’acquisizione anticipata del Park  sì, non ieri. Il vero snodo della vicenda è quello, ogni altro atto di giunta o di consiglio deve e dovrà necessariamente misurarsi con una operazione costata oltre due milioni di euro. Giusta? Sbagliata? Solo il  tempo potrà dirlo. Di certo Il Park sì, una volta divenuto “parcheggio Centro Storico”, ha di fatto precluso e precluderà per lunghissimo tempo ogni altra scelta relativa alla sosta di ogni altra successiva  amministrazione. A meno che qualcuno, in futuro, con temerarietà più che con coraggio, non deciderà di  bruciare quei due milioni e riaprire scenari diversi.

Stefano-Benedetti

L’ex consigliere comunale Stefano Bendetti

Tiziana-Dianetti

Tiziana Dianetti

Tarcisio-Raparo

Tarcisio Raparo

 

Nelson-Priscilani-Beltrand

Nelson Prisciliano Beltrand

Luigi-Moroni

Luigi Moroni

Franco-Di-Girolamo

Franco Di Girolamo

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X