Beffa per un allevatore:
non abita con gli animali,
gli negano il container

SARNANO - Federico Cerchiè si è visto rispondere picche dalla Regione perché ha la residenza diversa dal domicilio fiscale della sua azienda. "Come me tanti altri sono oppressi dalla burocrazia". Interrogazione della Lega in giunta
- caricamento letture

sarnano-voliera-neve-1-225x400

Le voliere dell’allevamento Collerosso sotto la neve di gennaio

 

Casa e uffici distrutti dal terremoto, voliere crollate sotto la neve e ora la Regione che gli nega un modulo abitativo per pochi chilometri di differenza dalla residenza originaria. Il caso dell’allevatore di selvaggina Federico Cerchiè, che a Sarnano sotto il peso della neve ha perso oltre 400 fagiani (leggi l’articolo) e che con il terremoto aveva già perso la casa colonica che ospitava lui e i dipendenti dell’allevamento Collerosso, finisce al centro di un’interrogazione alla giunta regionale a firma Lega Nord. Cerchiè ha chiesto dei moduli abitativi alla Regione, da posizionare accanto alle voliere rimaste, ma si è sentito rispondere di no “perché non ho la residenza nel domicilio fiscale dell’allevamento – racconta Cerchiè – e per questo non dovrei avere diritto a niente secondo l’ufficio regionale. Il terremoto mi ha rovinato la casa colonica, che si trova a Sarnano, a circa 2 chilometri e mezzo dall’allevamento, che per me era il posto dove abitavo e un appoggio per il lavoro. Senza un modulo vicino alle voliere come facciamo, ad esempio, io e chi lavora con me ad andare al bagno? Dobbiamo fare dei chilometri? Come posso ricevere un cliente? Non chiedo la luna, chiediamo un punto dove ci sia una stufa, un bagno e un angolo per mettere l’ufficio. Come me, in questa situazione, si trovano tanti allevatori oppressi dalla burocrazia”. L’allevatore ha raccontato la sua vicenda alle forze di opposizione in consiglio regionale che erano presenti durante l’assemblea organizzata dalla Lega Nord a Sarnano il 3 febbraio. A prendersi in carico la vicenda di Cerchiè i consiglieri leghisti Sandro Zaffiri e Marzia Malaigia che in una nota ricordano l’importanza dell’allevamento Collerosso che “permette la riproduzione di numerose specie avicole oltre che di mammiferi e riveste importanza anche dal punto di vista del mantenimento genetico di alcune razze o varietà animali – dice Malaigia -. Essere sordi a richieste che dovrebbero essere considerate esaudibili con un po’ di raziocinio, significa andare contro alle stesse parole del governatore Ceriscioli dette in aula regionale pochi giorni fa. Il presidente ha infatti affermato: “se ognuno fa la propria parte, possiamo dare una mano a questi cittadini, alle nostre imprese, al sistema marchigiano che da questa infinita serie di sfortunati eventi possa rimettere in moto le opportunità, le prerogative, gli strumenti che sono a disposizione”. Invitiamo pertanto con questo atto la Giunta regionale ad attivarsi perché tante parole di circostanza si trasformino in atti concreti per la vita di uomini e loro famiglie costretti ad una vita più dura del solito a causa di neve e terremoto”.

(Fe. Nar.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X