Il flashback di Serravalle:
è di nuovo il 1997

SISMA - Il villaggio con le casette di legno realizzato dopo il terremoto avvenuto alla fine dello scorso millennio, torna ad ospitare le persone sfollate: sono 52. In questi anni era stato usato per eventi di beneficenza
- caricamento letture

serravalle terremoto

Da sinistra: Umberto Patassini, Massimo Serra, e il sindaco Gabriele Santamarianova. Con loro una delle persone che hanno dovuto lasciare la propria abitazione

serravalle terremoto

Le casette di Serravalle

 

di Monia Orazi

Il tempo è tornato indietro di vent’anni a Corgneto di Serravalle. Nessuno pensava che le casette in legno, donate dal Lions Club ai terremotati, sarebbero servite di nuovo per lo stesso scopo. Il mostro che già vent’anni fa distrusse tantissime case da queste parti, è tornato a dimenarsi di nuovo, portando devastazione e distruzione. Nel villaggio di legno che accolse i terremotati del 97, oggi vivono di nuovo 52 sfollati. Come in un gigantesco flashback, sono tornati anziani, famiglie e persone sole. Fino alla scorsa estate, in questo piccolo angolo di mondo, erano ospitati eventi di beneficenza, con ospiti da tutto il mondo. Oggi, in anticipo di diversi mesi sulla macchina ufficiale della ricostruzione, le casette di legno complete di tutti i servizi, riscaldamento e tv, hanno già accolto dalle prime ore dopo il sisma chi non aveva più una casa. A recarsi nel cuore della notte tra i monti devastati dal sisma, consegnando subito le prime chiavi agli sfollati, i soci Lions Massimo Serra ed Umberto Patassini.

serravalle terremoto“Abbiamo donato queste case per accogliere chi non aveva più una casa, nel 2006 su richiesta del comune abbiamo riunito tutto e nel 2011 abbiamo ristrutturato, le casette così come sono oggi sono operative dal 2014, a poche ore dal terremoto eravamo già qui, a dare le prime chiavi a chi aveva bisogno”, raccontano, “abbiamo anticipato tutti con orgoglio”. Tra le mura sicure ed accoglienti delle strutture, tutte indipendenti l’una dall’altra e posizionate tutte in circolo, ad abbracciare il grande spazio centrale pensato come una piazza, vivono stabilmente sfollati provenienti da Serravalle, Pievebovigliana, Fiordimonte e Camerino. “Tutto questo si può fare grazie alla comunione di intenti che c’è con l’amministrazione comunale, che si è subito messa a disposizione”, spiegano Serra e Patassini. Persino in quella che è stata la chiesetta del villaggio, ci sono letti che accolgono alcune famiglie sfollate. Per far fronte alle necessità si sono mobilitate numerose associazioni di volontariato ed i Lions da tutta Italia che stanno facendo arrivare beni di prima necessità. “Da noi ci sono stati molti danni – racconta il sindaco Gabriele Santamarianova – grazie alla presenza di strutture come questo villaggio ed altri risalenti al 1997, abbiamo subito potuto dare una risposta alle necessità dei cittadini”.

serravalle terremoto

serravalle terremoto



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X