Macerata: le scuole riaprono
il 3 novembre

TERREMOTO - Le comunicazioni del sindaco Romano Carancini, dopo la riunione del Coc. Non ci sono situazioni di emergenza, due famiglie evacuate nella notte per precauzione. Verifiche su tutti gli edifici scolastici. Verso il rinvio di Maceratese- Lumezzane. Confermati i mercatini francesi, cimitero agibile (esclusa la parte monumentale). In serata le decisioni su musei, teatri ed Helvia Recina
- caricamento letture

macerata-terremoto-1

Stefania Monteverde, Romano Carancini e Marika Marcolini

macerata-terremoto-2

 

di Gabriele Censi

Scuole chiuse fino al 3 novembre, verso un rinvio della partita della Maceratese (sabato prevista la gara interna con il Lumezzane), avvisi ai cittadini con tutti i media. Al termine della riunione del Coc il sindaco di Macerata Romano Carancini, con una parte della giunta, ha comunicato i provvedimenti adottati per i prossimi giorni per la sicurezza dopo il terremoto di ieri. La situazione generale non  presenta situazioni di particolare gravità. Nella notte solo due famiglie (in via Roma e in via Santa Maria della Porta) sono state evacuate in via precauzionale e alloggiate all’Asilo Ricci e alla Domus San Giuliano. Il primo tema affrontato è stato quello delle scuole: le lezioni sono state sospese per tutti gli ordini nei giorni 28, 29 e 31 ottobre. Le giornate di sospensione stabilite sommate a quelle festive e di chiusura già previste dal calendario consentiranno di effettuare le necessarie verifiche prima della riapertura del 3 novembre. “Non ci sembra ci siano aggravamenti rispetto alla situazione verificata ad agosto – ha detto Carancini – ma speriamo che dopo i sopralluoghi dei nostri tecnici (tre le squadre in campo più una quarta per gli altri edifici di interesse comunale) arrivino con immediatezza quelli certificati della protezione civile al fine di consentire il ritorno sui banchi degli studenti”. “Il calendario regionale potrebbe comunque essere oggetto di revisione, – spiega il vicesindaco Stefania Monteverde – Abbiamo sollevato il problema all’assessore regionale Angelo Sciapichetti che si è dichiarato disponibile per un provvedimento che è di carattere generale e non solo per un Comune”.

Ingresso del palazzetto

Ingresso del palazzetto

 

E partita nella notte la sperimentazione di un nuovo metodo di comunicazione con i cittadini in più modalità, con l’invio di una registrazione fatta dal sindaco a tutti i telefoni fissi della città. Con  l’App CityUser invece  l’avviso vocale” ha raggiunto gli smartphone dei cittadini al posto del consueto trillo. Le comunicazioni di emergenza e di importanza prioritaria sono in lingua italiana e inglese, questo anche per informare gli eventuali turisti presenti sul territorio. Per questa modalità basta fare una semplice operazione sul proprio dispositivo mobile. Si tratta di andare sull’App CityUser, nella sezione “Protezione Civile”, e selezionare l’interruttore su On (colore verde) alla voce “Pc – Comune di Macerata”. Dopo di che sarà sufficiente tenere la suoneria dello smartphone inserita e un volume dell’audio medio o alto (no vibrazione).  Le notizie di Protezione Civile sono tutte visibili nel “giornale” dedicato: sullo schermo dello smartphone, in basso a destra, basterà toccare il quadrato azzurro con il triangolo che è il simbolo della Protezione Civile italiana. Per tornare alle notizie giornaliere non di emergenza, basterà toccare – sempre in basso a destra – il bottone quadrato rosso. Per quanti hanno danni da segnalare l’amministrazione ricorda non è necessario ripetere le domande già compilate se non sono state ancora fatte le verifiche. 

terremoto_26_ottobre_macerata5

Notte in macchina al parcheggio dell’Oasi

In vista della commemorazione dei defunti il sindaco comunica che il cimitero è agibile con eccezione della parte monumentale. Il palasport sarà aperto anche la notte prossima: “E’stata un’occasione di aggregazione in cui la comunità ha dimostrato comprensione e disponibilità” continua il sindaco che rinvia alla prossima riunione delle 18,30 per le decisioni su teatri, musei ed eventi previsti in città in questi giorni. “Se le strutture sono agibili vogliamo confermare tutto, la città deve andare avanti”  aggiunge Stefania Monteverde. Forti dubbi invece sulla partita della Maceratese di sabato all’Helvia Recina, Carancini ha sentito il prefetto: “Ci sono perplessità per l’impiego del personale di ordine pubblico che sarebbe sottratto ad eventuali emergenze, credo che sia opportuno un rinvio”.  Confermati invece i mercatini francesi. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X