Biogas di Corridonia
Marangoni interroga la Regione:
“In imbarazzo l’assessore Malaspina”

AMBIENTE - Il consigliere regionale di Forza Italia torna sulla situazione dell'impianto giudicato irregolare dal Tar e dal Consiglio di Stato: "La risposta dell'assessore evidenzia come la Provincia di Macerata sia stata ambigua nei pareri"
- caricamento letture
Enzo Marangoni

Il consigliere regionale di Fi, Enzo Marangoni

biogas corridonia

La centrale a Biogas di Corridonia

Discussa oggi in Consiglio regionale l’interrogazione presentata dal consigliere di Forza Italia, Enzo Marangoni sulla situazione dell’impianto a biogas di Corridonia. «La risposta ai numerosi quesiti posti è arrivata dall’assessore regionale all’ambiente Malaspina – scrive in una nota Marangoni – Risposte contraddittorie e insufficienti che mettono in imbarazzo l’assessore Malaspina considerato che il caos sulla vicenda è stato creato dal Pd. L’impianto è stato dichiarato due volte illegittimo dalla magistratura, prima il Tar e poi il consiglio di Stato. I problemi sollevati vengono confermati nella sostanza dalla risposta dell’assessore Malaspina la quale evidenzia come la provincia di Macerata (governata dal Pd con la foglia di fico Udc) sia stata troppo morbida e ambigua nella formulazione dei pareri e nell’emissione della valutazione di impatto ambientale. «Ulteriore elemento che rafforza quanto denunciato è il valore di superamento del 900% oltre il limite di legge dei valori del Cot (Carbonio Organico Totale), con gravi ripercussioni sulla salute dei residenti in zona. Quanto non è riuscito a fare Renzi col famoso comma salva-biogas marche, l’ha fatto magicamente la provincia di Macerata, a guida Pd, che, con la Via postuma, ha violato il principio di precauzione previsto dalla legislazione europea, senza alcun riguardo per la salute dei residenti della zona di Corridonia e Trodica di Morrovalle».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X