L’asilo Green di nuovo a “Indignato speciale”

TOLENTINO - Intervistata Catia Fianchini, portavoce del comitato: "Il progetto comunale ha costi fantasmagorici"
- caricamento letture
Catia Fianchini, uno dei portavoce del comitato "Salviamo il Green dalla speculazione"

Catia Fianchini, uno dei portavoce del comitato “Salviamo il Green dalla speculazione”

di Marco Cencioni

«Gli amici di Tolentino tornano alla carica». Questa la frase con cui Andrea Pamparana ha presentato il secondo servizio sulla vicenda asilo Green, andato in onda oggi all’interno del Tg5 delle ore 13 nella rubrica “Indignato speciale”. Il primo intervento dello spazio di approfondimento di Canale 5 sulla questione – che ormai da quasi un anno sta facendo discutere tutta la città – è andato in onda lo scorso agosto (leggi l’articolo) e il giorno dopo arrivò puntuale la presa di posizione dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Pezzanesi (leggi l’articolo). E’ ancora Catia Fianchini, uno dei portavoce del comitato “Salviamo il Green dalla speculazione” a parlare ai microfoni della rete ammiraglia Mediaset per ricordare quanto accaduto nel frattempo e raccontare l’evolversi della situazione. «Un mese fa abbiamo consegnato circa 4000 firme in comune, ci hanno sostenuto cittadini di diverso credo politico – afferma Fianchini – Avevano detto che il Green doveva essere demolito perche non rispecchiava tutti i canoni di sicurezza, cosa poi smentita dal sindaco nelle sue varie interviste dove ha affermato che è perfettamente a norma: l’asilo a settembre, infatti, ha riaperto. Il 29 dicembre scorso l’amministrazione comunale ci ha presentato il progetto fantasmagorico per questa ricostruzione che di fantasmagorico ha solo i costi. Il bando che si apprestano ad aprire prevede che per un costo di circa 2 milioni di euro qualcuno dovrebbe comprare l’area, ricostruire il Green e poi provvedere a ricostruirsi un polo commerciale dove sorgerà un supermercato. Quello che noi oggi ci chiediamo è questo: chi spende  milioni di euro, in un periodo di crisi, per aprire un supermercato? Tra quanti anni rientreranno questi soldi? – si domanda Catia Fianchini – Ci siamo guardati intorno e abbiamo visto che qui vicino, a Recanati, è successa la stessa cosa, è stato venduto il verde per costruire un supermercato. Parlano di bambini ma se intendono mettere due supermercati tra tre plessi scolastici, aumentando il traffico e l’inquinamento, tutto pensano tranne che a loro». «L’edilizia scolastica in Italia è un problema: chiacchere molte, fatti pochi – ha commentato dallo studio Andrea Pamparana – Per carità, i supermercati sono importanti, il commercio è fondamentale e siamo in momento economico di grande difficoltà ma non possiamo dimenticare le esigenze di bambini e genitori».

asilo_green_indignato (3)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X