Studentessa maceratese in viaggio premio al Parlamento europeo

Maria Luisa Principi, dell'Itas “Matteo Ricci” a Strasburgo con il "Movimento per la vita"
- caricamento letture
maria-luisa-principi

Maria Luisa Principi

Insieme a più di duecento giovani provenienti da tutta Italia, Maria Luisa Principi, studentessa al V anno dell’Itas “Matteo Ricci” di Macerata, ha partecipato al viaggio-premio a Strasburgo al Parlamento europeo, promosso e organizzato dal Movimento per la vita italiano. “Un’esperienza toccante, formativa, emozionante – commenta la ragazza – che auguro possano vivere tanti altri ragazzi”. I vincitori sono stati guidati all’interno del Parlamento, nel quale hanno fatto una simulazione di proposta di legge, con tanto di emendamenti e votazioni. Hanno incontrato poi il presidente del gruppo del Partito Popolare europeo Joseph Daul e Carlo Casini, presidente del Movimento per la vita italiano,  che ha accolto i ragazzi, illustrando loro il funzionamento del Parlamento e rispondendo alle numerose domande poste dai ragazzi.  Il concorso per le scuole indetto da ormai 25 anni dal MPV italiano intende coinvolgere le nuove generazioni su tematiche di bioetica, fondamentali per una società e per una cultura dove l’Uomo, e il suo bene, sia il vero e unico protagonista.

Al concorso indetto per il 2012 dal titolo “L’Europa del domani è nelle vostre mani”, hanno partecipato migliaia di ragazzi delle scuole superiori, chiamati a produrre un elaborato scritto o grafico o multimediale. “Quest’importantissima esperienza formativa nelle scuole – dice Francesca D’Alessandro, consigliere comunale maceratese vicina al MPV – testimonia che quando i giovani vengono adeguatamente sollecitati su questioni serie e importanti, rispondono in tanti con prontezza e profondità, dimostrando una grande sensibilità e un profondo interesse per temi così complessi come la dignità dell’uomo dal concepimento fino alla sua morte naturale o il rapporto tra scienza e morale. Troppo spesso i nostri ragazzi sono oggetto delle cronache per comportamenti scorrenti: uso di stupefacenti, le stragi del sabato sera, la maleducazione sempre più di moda. Eppure la gioventù ha per sua natura un senso del Vero e del Buono più spiccato rispetto agli adulti, a volte troppo stretti dalle convenzioni sociali o da velleità personali per riconoscere con immediatezza e serietà i principi che sono alla base di una cultura volta a riconoscere la bellezza, l’unicità e l’originalità della vita umana nel suo stesso intrinseco essere.”

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X