Ballottaggi: i partiti
fuori dal Palazzo

L'ANALISI - Disfatta del Pd e dei suoi professionisti della politica in provincia di Macerata. Il Pdl vince a Tolentino "nascondendo" il simbolo. E anche Civitanova ha voluto cambiare
- caricamento letture

 

matteo-zallocco-x-57-88x95

di Matteo Zallocco

In tutta Italia i ballottaggi delle amministrative hanno confermato la disfatta del Pdl, ma in provincia di Macerata il vero sconfitto è il Pd. La vittoria schiacciante a Tolentino del candidato pidiellino Giuseppe Pezzanesi, che ha superato il 57%, deve far riflettere. Perchè in realtà non è stata la vittoria del Pdl ma di un progetto che ha messo al centro la persona arrivando quasi a nascondere il simbolo del partito. Giuseppe Pezzanesi è il vicino di casa che incontri uscendo tutte le mattine, un cittadino comune, un “uomo del popolo” come lui stesso ha costantemente ripetuto durante tutta la campagna elettorale. Nella video-intervista doppia di Cronache Maceratesi, alla domanda “Di che partito sei?” Pezzanesi non ha risposto “Pdl”, ma “Il mio partito è quello del popolo”. Paradossalmente è stato Pezzanesi a vestire in maniera perfetta i panni dell’uomo di sinistra.

pezzanesi-0-300x160

Pezzanesi festeggia la vittoria al ballottaggio (clicca sull’immagine per guardare il video)

Dall’altra parte, invece, c’era un professionista della politica, il candidato del Pd Francesco Comi, chiamato dai suoi come salvatore della patria per garantire la continuità del governo cittadino di centrosinistra che aveva amministrato continuativamente negli ultimi 18 anni. Francesco Comi ha sempre fatto politica, seguendo le orme del papà apprezzato sindaco negli anni ’80. E questo, oggi più che mai, non piace più alla gente che non ha visto in lui il rinnovamento che si aspettava. Da diversi anni Francesco Comi frequenta molto di più Palazzo Raffaello ad Ancona nelle vesti di consigliere regionale e presidente della Commissione sanità, che Tolentino, perdendo forse di vista le problematiche che investono quotidianamente i cittadini. Quel rapporto diretto con la gente che si è dimostrato l’arma vincente di Pezzanesi. Tuttavia un mese fa nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla vittoria del candidato del centrodestra: Comi era visto come il nome forte voluto dal Pd ad ogni livello, dalla segreteria regionale a quella provinciale. D’altronde è stato proprio Comi a contribuire in maniera determinante alla nomina di Roberto Broccolo a segretario provinciale sconfiggendo l’area Silenzi che avrebbe preferito invece in questo ruolo Massimo Montesi.

CORVATTA-0-300x196

Corvatta festeggia la vittoria al ballottaggio (Clicca sull’immagine per guardare il video)

Certo è che la segreteria Broccolo non ha portato quel rinnovamento auspicato dalla base appiattendosi prima sulla linea Pettinari (candidato Udc vincente in Provincia per un’alleanza comunque mal digerita dalla base e soprattutto dalla sinistra) smentendosi poi a Tolentino e Civitanova con altri tipi di alleanze. E proprio a Civitanova era arrivata qualche mese fa una sconfitta altrettanto sonora: quella del candidato del Pd Giulio Silenzi contro Tommaso Claudio Corvatta (Comunisti Italiani) alle primarie. Corvatta ieri è stato eletto sindaco di Civitanova con il 51% dei voti e al Pd civitanovese va dato atto di averlo sostenuto per togliere al centrodestra la roccaforte civitanovese dopo 17 anni. Ma se al posto di Corvatta il candidato sindaco fosse stato Silenzi sarebbe andata comunque così? Crediamo di no, perchè il fatto più eclatante di queste elezioni è che la gente ha voluto voltare pagina in maniera netta, bocciando i soliti noti. Ed è anche dal mancato rinnovamento dei partiti che nasce il successo del Movimento 5 Stelle e delle liste civiche e quello ben più preoccupante dell’astensionismo: al ballottaggio di Civitanova si è recato alle urne solamente il 54,9% dell’elettorato. La gente è stanca.

MOBILI-0-300x159

Le dichiarazioni di Massimo Mobili dopo il ballottaggio (Clicca sull’immagine per guardare il video)

COMI-0-300x159

Le dichiarazioni di Francesco Comi dopo il ballottaggio (clicca sull’immagine per guardare il video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X