Maceratese senza esterni, idee e goal

SOMMA ALGEBRICA - Riflessioni sui biancorossi, tra il tabù dell'Helvia Recina e le cessioni affrettate dei centrocampisti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
SCATTOLINI-2-300x225diEnrico Maria Scattolini
CORSI E RICORSI STORICI (-) – Il pensiero di Giambattista Vico sembra calzare a pennello per la Maceratese   di questo campionato, la quale puntualmente precipita in abissali delusioni proprio nell’attimo di concretizzare invece stellari entusiasmi.

MALEDIZIONE HELVIA RECINA (-) E questo si è verificato sempre all’Helvia Recina.La Tardella non vuol sentire parlare di scaramanzia, ma è un fatto che, sul proprio campo, i biancorossi(13^ giornata) hanno prima perso l’imbattibilità per mano della modesta Monturanese nel momento in cui stavano per risolvere la lotta al vertice nei confronti della Fermana(loro ampio  vantaggio in classifica e concomitante secca sconfitta  dei “canarini”a Fossombrone) e di un Tolentino indietro di  un’enormità di  lunghezze (non ricordo neanche quante.) E poi la sconfitta casalinga contro il Corridonia , all’indomani del recupero di due dei tre punti nel frattempo maturati in favore della diretta rivale e dello splendido pareggio di mercoledì sera contro la medesima. (Butto là: un pensierino al Campo dei Pini?).

CONLUSIONE (-) Nonostante il comodo (purtroppo solo sulla sulla carta) turno casalingo contro il Corridonia, la Maceratese è stata di nuovo ricacciata pesantemente indietro  in  graduatoria  dalla Fermana, che ha vinto a Fabriano come da copione, ed ha anche ceduto il secondo posto al Tolentino, che ha regolato l’Urbania.

Maceratese-Corridonia-7-300x200

Bruno Rosi in azione nella sfida di ieri contro il Corridonia

SPIEGAZIONI? La principale è  di ordine psicologico. Probabilmente alla Maceratese manca la personalità che caratterizza il DNA della formazione leader (-). E difetta anche di quel pizzico di “cattiveria” necessario a supportare il superiore livello tecnico negli incontri che nascono male e debbono essere subito raddrizzati. Appunto Monturanese, Corridonia ed, in parte, Atletico Truentina.

La diagnosi della dottoressa Tardella (+) è stata in tal senso precisa quanto durissima, e sicuramente foriera di severe sanzioni nei riguardi dei giocatori più… morbidi, che lei, la presidentessa, paga puntualmente ogni fine mese. Caso forse più unico che raro in questa tribolata (economicamente) “Eccellenza”.

PERO’ c’è anche una concausa. Ed è tecnica (-). Acclarato, per definizione, che delle partite suddette si viene a capo manovrando sulle fasce, soprattutto quando si gioca in superiorità numerica, com’è accaduto contro il Corridonia per l’intersa ripresa, c’è da chiedersi dove  siano finiti gli esterni alti della Maceratese. Che avevano costituito la connotazione vincente del gioco di Di Fabio nella prima parte della stagione. Rosi, bravo in assoluto,è giù di condizione e sbaglia l’incredibile sotto rete; Piergallini,  recentemente, si è più contraddistinto per le assenze che per le presenze. Eclizietta è tormentato da una fastidiosa e soprattutto reiterata pubalgia, e da diverso tempo  non è neanche convocato; Massetti è più esterno basso che di profondità.
Chi manca all’appello?

maceratese_ancona_romanski

Francesco Romanski

MANCA ROMANSKI  Perché è stato ceduto al Tolentino (sottolineo: Tolentino) sul finire dello scorso anno (-). E lì gioca prevalentemente da titolare. Ora lui ed i suoi nuovi compagni cremisi sono davanti alla Maceratese. Fra l’altro si è tolto la soddisfazione di vincere la Coppa Italia, con il viatico di un percorso che potrebbe assicurare ampie soddisfazioni… alternative al campionato.

NON C’E’ PIU’ NEANCHE OLIVIERI (-) acquistato  di fretta come un importante investimento per il futuro e poi ,altrettanto frettolosamente (forse troppo), ceduto. Mi sembra che tutto ciò debba essere materia di riflessione, no?

HO SCIOPERATO SENZA AUTORIZZAZIONE SINDACALE Al clamoroso errore di Rosi, nel finale del derby con il Corridonia, non ho più avuto la forza di proseguire la telecronaca. Già turbato ,qualche minuto prima, dalla morbida conclusione di Orta addosso al portiere pausolano, me ne sono andato dalla tribuna stampa ed ho lasciato la conclusione al mio collaboratore. Probabilmente sarò licenziato dalla mia emittente. In ogni caso, mi  autocensuro con  un(-) di pentimento. Per quel che vale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X