Swiderski spinge la Lube
Taranto sconfitta 3-0

S'infortuna Corsano (problemi al ginocchio) nel corso del primo set
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Swiderski-contro-taranto

di Andrea Busiello

Dopo tanto tempo finalmente Sebastian Swiderski torna decisivo e decide il match tra Lube e Taranto. Macerata che soffre ma vince 3-0 (25-23, 25-20, 25-23) e ringrazia il suo professore che, chiamato in causa nel terzo set al posto di Cisolla, realizza ben sette punti e decide il match con gli utlimi due attacchi vincenti. Una cosa è certa: Swiderski è pronto per tornare titolare e per i play off potrebbe essere l’arma in più della Lube. Nel corso del primo set infortunio per Corsano che lamenta noie al ginocchio, al suo posto Smerilli. Andiamo alla cronaca della sfida. Primo set che vede la Lube dominare in avvio e biancorossi che volano sino all’11-5 con il muro di Podrascanin ma lentamente Macerata si fa recuperare e così Omrcen firma il +4 (16-12) prima che Taranto impatti a quota 17. Si procede punto a punto fino al 23-23 quando un giallo a coach Serniotti ed un errore di Cleber fissano il set sul 25-23 per la Lube. Il secondo set è un dominio assoluto della Lube che sin dalle prime battute allunga sul 5-2 con l’ace di Omrcen e poi sul 10-4 con Paparoni. E’ lo stesso Paparoni a realizzare il 16-10 e lasciare un finale di set senza patemi alla Lube che chiude 25-20 grazie all’attacco di Cisolla. Macerata avanti 2-0. Il terzo set è il più bello e combattuto con Taranto che vola sull’8-5 con il primo tempo di Cozzi ma la Lube gioca discretamente ed impatta con Swiderski sul 10-10; l’ace di Paparoni permette il 17-16 alla Lube che però fino alla fine è costretta a rincorrere. Il finale di gara è tutto per Sebastian Swiderski che chiude con gli ultimi due punti, uno sul muro di Cleber e l’altro realizzando un bel contrattacco e Macerata che chiude 25-23 e vince 3-0. Lube che conquista un successo prezioso ed ora l’obiettivo di entrare tra le prime quattro è più fattibile. Domenica match delicato a Cuneo, occorre una prova di maturità utile sia per la classifica che per il morale.

Lube-che-si-abbraccia

LE PAGELLE:

CISOLLA: 5 Il 18% di ricezione perfetta è da brividi. In attacco è positivo ma in ricezione balbetta sempre, troppi i 5 errori in questo fondamentale.

PAPARONI: 6.5 Una sicurezza in ricezione (60% di perfetta) ed una prova discreta in attacco. Atleta sul quale poter contare.

VERMIGLIO: 6.5 Giostra bene il gioco senza andare mai in affanno. Con un Omrcen così sa sempre a chi dare la palla.

BARTOLETTI: sv.

SMERILLI: 6.5 Prova buona in sostituzione dell’infortunato Corsano. Fornisce discrete garanzie in ricezione senza sbagliare mai.

STANKOVIC: 6 Presente. Un 3/6 in attacco così e così. Non si vede a muro, può fare di più.

MARTINO: sv.

CORSANO: 7 Solo 4 ricezioni per lui poi il problema al ginocchio. Per quando rimane in campo il contributo è positivo.

OMRCEN: 7.5 Cosa aggiungere? Due muri, un ace e diciannove punti. Una garanzia. Giocatore di altissimo livello.

SWIDERSKI: 8 A ragion veduta prende il premio di mvp del match. Entra al posto di Cisolla nel terzo set e risulta decisivo con 7 palloni vincenti, tra i quali gli ultimi due. Il “Professore” è tornato.

PODRASCANIN: 7 Raggiunge la doppia cifra (10 punti per lui) con due muri vincenti. Il 67% in attacco è buono.

Paparoni-contro-taranto



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X