Trillini carica la Maceratese:
“A Montegranaro per vincere”

Nel frattempo voci insistenti lo danno vicino al Chievo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Trillini-Maceratese

di Andrea Busiello

Dopo il pareggio interno contro l’Urbania in casa Maceratese la situazione non è propriamente salutare perchè i due punti lasciati per strada domenica scorsa sono molto pesanti in classifica ma non c’è tempo di pensare al passato che è già tempo di ritornare in campo domani alle ore 14.30 a Montegranaro contro la locale compagine che precede i biancorossi di una lunghezza in classifica. In vista di questa sfida abbiamo ascoltato il pensiero di Massimiliano Trillini (nella foto) che stando alle voci dei ben informati a gennaio potrebbe approdare in serie A, al Chievo Verona che starebbe seguendo anche il terzino Borgiani.

Trillini, partiamo dalla gara contro l’Urbania: bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

“Secondo il mio punto di vista mezzo vuoto perchè abbiamo disputato un’ottima partita e concesso poco agli avversari. Siamo stati sfortunati come nell’occasione del rigore però credo che alla fine è questo lo spirito giusto e dunque dobbiamo proseguire su questa strada anche se ripeto, domenica abbiamo buttato due punti”.

Come ha visto le prestazioni dei nuovi acquisti Fabbri e Potacqui?

“Decisamente positive. Potacqui erano due mesi che non giocava ma ha disputato una buonissima prova e sono convinto che entrambi saranno molto utili alla causa della Maceratese e con questi due ragazzi in più il mister avrà maggiore scelta”.

Domani andrete a far visita al Montegranaro: match da non perdere….

“Io direi assolutamente da vincere. Affrontiamo una squadra che è vicina a noi in classifica e dobbiamo cercare in tutti i modi di vincere questa gara per avvicinarci alle posizioni che contano della graduatoria. Sappiamo che non sarà una gara facile ma noi dobbiamo necessariamente tornare a vincere”.

Insistenti voci di mercato danno per certo il suo passaggio al Chievo Verona a gennaio. Cosa dice in merito?

“Non so nulla di ciò. Anche io ho sentito dire queste cose in giro ma ripeto che non so davvero niente. Ovvio che se fosse vero essere seguito da una squadra di serie A è un sogno, ma io so bene che devo pensare solo a lavorare nel migliore dei modi possibile per cercare di migliorare sempre di più”.

E’ passata una settimana dall’arrivo di mister Nocera a Macerata: come giudica il suo approccio?

“Molto positivo. E’ un allenatore di polso che cura alla perfezione ogni minimo dettaglio. Non tralascia nulla al caso e si basa molto sui particolari; speriamo che insieme al mister possiamo prendere una strada importante per raggiungere posizioni migliori di classifica”.

Da maceratese come vive questa situazione di giocare nella squadra della sua città?

“E’ un privilegio perchè Macerata è una piazza storica. Da maceratese dico che è davvero bello giocare nella squadra della propria città”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X