Reddito di cittadinanza, Emiliozzi:
«Felice che i controlli funzionino»

FURBETTI - La parlamentare del M5S sulle indagini dei carabinieri che hanno denunciato 9 persone che non avevano diritto al contributo: «Truffatori che tolgono risorse a chi ne ha bisogno»
- caricamento letture
mirella-emiliozzi-6-650x533

Mirella Emiliozzi, deputata dei 5Stelle

 

Nove denunce dei carabinieri per persone che hanno percepito indebitamente il reddito di cittadinanza, la parlamentare del M5S Mirella Emiliozzi «Sono molto felice di constatare che il sistema di controllo stia funzionando. Molto meno di vedere quanto in basso si possa cadere per questioni di soldi. Mi chiedo se questi truffatori si rendano conto che sottraggono risorse a gente che è costretta a rivolgersi al reddito di cittadinanza per far trovare qualcosa in tavola ai propri figli. Una misura di civiltà che finalmente ci ha allineato al resto dell’Europa e che peraltro ci ha posto al riparo da tensioni sociali che sarebbero state inevitabili a seguito della pandemia». I carabinieri hanno svolto controlli e scoperto furbetti in diversi comuni della provincia: Castelraimondo, Pieve Torina, Potenza Picena, Montelupone, Pollenza, Montecosaro. Dei 9 denunciati 4 sono italiani. «Le denunce dimostrano semplicemente che i controlli stanno funzionando – continua Emiliozzi -. Di certo non si può pensare di eliminare una misura di sostegno tanto importante, seppur sempre perfettibile, solo perché ci sono dei truffatori. Purtroppo – prosegue – c’è chi continua a portare avanti una campagna di disinformazione sostenendo che a percepire il reddito siano soprattutto giovani che non hanno voglia di lavorare. Ma i dati veri dimostrano qualcosa di molto diverso: i due terzi dei percettori non sono occupabili, e il 20% di quelli che sono occupabili lavora già, ma con uno stipendio al di sotto della soglia di povertà. Inoltre, c’è un’ampia fascia di persone tra i 55 ed i 65 anni, difficilmente ricollocabili».

Furbetti del reddito di cittadinanza scovati dai carabinieri: in 9 nei guai



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X