Missione driver di provincia
«Sono il postino del cibo»
«Ho preso la patente per questo lavoro»

INCONSEGNA (2apuntata) - Le storie dei dipendenti del local e-commerce apprezzato a Macerata, Civitanova, Tolentino e Corridonia
- caricamento letture

inconsegna-zaino-autoSono le 20. La mamma e il papà sono appena arrivati dal lavoro. Il piccolo Gabriele si affaccia al balcone perché adora guardare le auto che passano sulla strada. Una Panda bianca con una striscia gialla arriva nel piccolo vialetto di casa. «Mamma mamma, è arrivato il postino del cibo» urla all’improvviso pieno di gioia. Scende dalla sedia, prende la mascherina e corre alla porta.

Non è il postino, è Remo di Inconsegna.com che porta la cena.
«Ciao Remo, puntuale come al solito. Come faremmo senza di te.»
«Ecco qua salmone grigliato con verdure e polpette al sugo. E il cestino di frutta fresca per le merende di domani. Tu cosa mangi stasera Gabriele?»
«Le polpette, però anche un pezzo di salmone.»
«Bravo ometto. Buona cena a tutti»

 

Remo torna in macchina, soddisfatto. Ha 64 anni, è in pensione dopo aver guidato per 33 anni camion e furgoni su e giù dall’Abruzzo. «Lavorare per Inconsegna non significa solo guidare e consegnare ma anche incontrare tante persone con cui scambiare un saluto – dice Remo – Sono di Teramo ma vivo a Macerata dal 1986, qui ho messo su famiglia. Qualcuno mi diceva,” dai che con la pensione ti riposi”, ma io non riesco a stare fermo, e verso la fine del lockdown dell’anno scorso mi hanno proposto di diventare un driver per le consegne a domicilio.

Remo di Inconsegna

Remo di Inconsegna

Ho iniziato quasi per gioco, era anche un modo per uscire a prendere un po’ d’aria, poi mi sono accorto che era proprio un bel lavoro, soprattutto quando portavo il cibo alle persone in quarantena sentivo di essere d’aiuto a chi era in difficoltà. Già da un po’ anche le persone sopra ai 60 anni usano Inconsegna, per chi ha difficoltà a muoversi o non ha l’auto è comodo. Ma anche per i genitori che non fanno in tempo a cucinare o a passare al negozio a prendere prodotti freschi, pesce, carne, frutta o verdura, dal cellulare fai tutto. E poi arrivo io. Molti clienti sono diventati fissi, so cosa ordineranno per il sabato o la domenica, si sono affezionati al servizio. E anche i ristoratori hanno capito che potevamo esserci d’aiuto a vicenda, il lavoro è cresciuto tantissimo, con alcuni siamo diventati amici.
La consegna che mi ha fatto tenerezza? A Pasqua in zona rossa ho consegnato un uovo di cioccolata artigianale a un ragazzo che è rimasto senza parole, era una sorpresa della fidanzata, visto che non si potevano vedere.»

Renzo di Inconsegna

Renzo di Inconsegna

Renzo ha 21 anni, è di Macerata, è nel team drivers di Inconsegna da dicembre 2020, ha fatto diversi lavori, ha un diploma in telecomunicazione ed è anche un artista 3D. Stava cercando lavoro come molti giovani della sua età e la pandemia lo ha convinto a darsi da fare.
«Avevo usato Inconsegna in autunno, ho visto il loro sito e ho poi scaricato l’applicazione sul cellulare. Ero un po’ sorpreso che un servizio del genere funzionasse anche qui da noi dove le altre delivery app non sono molto diffuse e usate. Da lì mi è venuta l’idea di provare a fare il driver, ma non avevo la patente B, avevo solo quella per il motorino. Quindi ho preso la patente, mi sono studiato la mappa delle strade e dei quartieri di Macerata e Corridonia, ho chiamato i titolari e il colloquio è andato bene, ho fatto la mia prima consegna il giorno stesso.
Mi hanno organizzato il lavoro in modo da farmi abituare alle tempistiche delle consegne a domicilio, per fortuna me la sono cavata e adesso sono a pieno titolo un driver di Inconsegna. Anche i clienti mi aiutano se la destinazione è un po’ nascosta. Lavoro soprattutto nei week end e nelle serate, il cibo a domicilio va forte, dal panino al piatto ricercato ai prodotti da gelateria e pasticceria. Mi capita spesso di consegnare torte compleanno a sorpresa, quando mi aprono al citofono sono tutti un po’ dubbiosi ma poi si sciolgono in un grande sorriso».

Ora è disponibile anche la nuova app “Inconsegna”: veloce, intuitiva e con nuove funzionalità consente di accedere a tutti i servizi con un click. Scopri qui sotto come scaricarla

(Articolo promoredazionale)

inconsegna

 

Missione driver di provincia Agnese: «Consegno anche torte a sorpresa» Corrado: «Una volta ho mangiato tutto io»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy