«In un anno sequestrati 235 kg di droghe»
Al via la campagna nelle scuole:
informazione e prevenzione

MACERATA - Il prefetto Flavio Ferdani ha presentato l'iniziativa con il questore Vincenzo Trombadore, i comandanti provinciali di carabinieri e finanza Nicola Candido e Ferdinando Falco e il sindaco Sandro Parcaroli
- caricamento letture
Prefettura_FF-5-650x434

I vertici delle forze dell’ordine con il prefetto Flavio Ferdani e il sindaco Sandro Parcaroli

 

di Mauro Giustozzi (foto Fabio Falcioni)

Prevenzione e lotta alle droghe usando le armi dell’informazione, formazione e del confronto tra forze dell’ordine e studenti. Questi gli obiettivi di un ciclo di incontri che sarà spalmato su tutto l’anno scolastico fortemente voluti all’interno del Comitato ordine e sicurezza pubblica dal prefetto Flavio Ferdani e che ha avuto immediata accoglienza e sostegno da parte di polizia, carabinieri e finanzieri nonché da parte dello stesso Comune di Macerata insistendo molti istituti scolastici nel capoluogo, oltre alle scuole di competenza comunale nello specifico le terze classi medie che saranno coinvolte negli incontri. Si parte a novembre con le prime scuole interessate che sono l’istituto tecnico Ricci, il liceo classico Leopardi, l’Itc Gentili e il liceo scientifico Galilei. Ad illustrare l’iniziativa, oltre al prefetto Ferdani, anche il questore Vincenzo Trombadore, il comandante provinciale dei carabinieri Nicola Candido, il comandante provinciale della Guardia di finanza, Ferdinando Falco e il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli.

Prefettura_FF-8-325x217

Il prefetto Flavio Ferdani

«L’attenzione allo spaccio di sostanze stupefacenti è sempre prioritario all’interno del Comitato ordine pubblico e sicurezza che abitualmente si riunisce in prefettura – ha ribadito Flavio Ferdani – Per dare anche un quadro di quello di cui stiamo parlando, dal momento del mio insediamento in città ho tenuto un report sulle attività che le forze dell’ordine hanno svolto in questo campo e sulle quantità di stupefacente che sono state scoperte e sequestrate dall’agosto del 2020 al settembre del 2021. Ebbene, sommando gli interventi di carabinieri, polizia e finanza, sono state sequestrati 231 chilogrammi di cannabis, 1 chilo e 171 grammi di eroina, 1 chilo e 650 grammi di cocaina e 2 chili 67 grammi di droghe sintetiche. Esprimo pubblicamente il ringraziamento all’operato delle forze dell’ordine per quanto fatto, un’attività repressiva che continuerà sicuramente. A questo tipo di attività repressiva vogliamo però abbinare anche un’ulteriore attività di formazione e informazione che coinvolge il mondo della scuola. Nel 2020, causa pandemia, lezioni a distanza e impossibilità di poter entrare negli istituti, non si è potuto portare avanti questa iniziativa: quest’anno, invece, con la riapertura delle scuole il nostro intendimento è quello di andare in vari istituti della provincia, grazie alla estrema disponibilità mostrata dai dirigenti scolastici, ad effettuare dei confronti con i ragazzi per far crescere la consapevolezza e capacità critica e coscienza nei giovani. Il mondo della scuola può veicolare un messaggio positivo agli studenti ed alle loro famiglie».

Prefettura_FF-6-325x217Il sindaco di Macerata, Parcaroli, ha sottolineato come «sia positiva far partire la prevenzione sin dalle classe terze delle scuole medie e poi alle superiori. Debellare la droga deve essere un punto fermo della nostra azione: va bene la repressione per stroncare lo spaccio però per abbassare questo consumo bisogna eliminare la domanda. Questa iniziativa credo che sarà molto educativa per i nostri ragazzi e come amministrazione parteciperemo attivamente a questi incontri nelle scuole comunali». La provincia di Macerata, secondo i dati usciti in questi giorni, si conferma  tra quelle dove il numero di denunce per stupefacenti è tra i più alti in Italia. Per cui ben vengano iniziative come questa che mettono a confronto forze dell’ordine e nuove generazioni. «Già le forze dell’ordine sono abituate a frequentare le scuole su temi come legalità e prevenzione –ha detto il questore Vincenzo Trombadore– ma stavolta l’input giunge direttamente dal Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica che è maturata tra tutti i partecipanti fino alla cabina di regia che il prefetto guida. Un gioco di squadra che c’è tra forze dell’ordine e apparato amministrativo statale. C’è stata una suddivisione settimanale tra forze dell’ordine per organizzare questi incontri, che avranno però una linea uniforme ed univoca. Da parte della polizia di Stato noi saremo il 10 e 12 novembre al liceo classico Leopardi».

Prefettura_FF-4-325x217

Da sinistra: il questore Vincenzo Trombadore e i comandanti provinciali dell’Arma e della Guardia di finanza Nicola Candido e Ferdinando Falco

I carabinieri saranno presenti invece all’Itas Ricci di Macerata nella settimana che inizia il prossimo 15 novembre per incontrare gli studenti. «Sono anni che abbiamo maturato esperienza con i ragazzi delle scuole –ha rilevato il comandante provinciale dell’Arma Nicola Candido– stavolta l’attività sarà informativa rispetto a quando gli studenti ci vedono in azione con le unità cinofile a fare ispezioni negli istituti. Vogliamo far conoscere quelli che sono i danni che comporta l’assunzione di stupefacenti, non solo a livello di salute ma ciò che comporta fumare lo spinello, un illecito che fa avviare tutta una procedura che può avere conseguenze gravissime per il futuro dei ragazzi. Oltre a dare informazioni saremo pronti ad ascoltare e rispondere a quesiti e domande che ci sottoporranno gli studenti». La Guardia di finanza anticipa gli altri corpi il 29 ottobre all’Itc Gentili con l’appuntamento collegato alla giornata mondiale della lotta alla contraffazione e acquisto di prodotti irregolari e sarà ancora l’istituto commerciale assieme al liceo scientifico Galilei lo scenario dove agiranno i finanzieri il 23 novembre con due incontri a cui parteciperanno le classi seconde del Gentili e le terze dello scientifico. «La Finanza giornalmente effettua attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti e di repressione del fenomeno –ha detto il comandante provinciale Ferdinando Falco-. Dal punto di vista della prevenzione come noto sono diversi anni che il nostro corpo ha in campo il progetto di educazione alla legalità che porta nelle scuole: questa iniziativa, però, nasce in seno al Comitato ordine e sicurezza pubblica sotto le direttive del prefetto per dare un’ulteriore presenza presso le scuole per spiegare cosa rappresenta lo stupefacente, quali sono le conseguenze in cui si incorre usando droghe e quali pericolo ci sono per la salute. Un grazie va ribadito ai dirigenti scolastici che si sono immediatamente messi a disposizione comprendendo l’importanza di questa iniziativa».

 

Prefettura_FF-7-650x434

Prefettura_FF-2-650x434

Prefettura_FF-1-650x434

Prefettura_FF-9-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X