La dirigente Maura Ghezzi ai saluti
«Alla scuola ho dedicato
il meglio di me stessa»

SARNANO - In pensione dopo 42 anni di servizio, negli ultimi anni di carriera ha affrontato il sisma e la pandemia. Ha scritto una lettera a studenti, genitori e personale scolastico dove ripercorre il suo operato alla guida dell'Istituto comprensivo Leopardi
- caricamento letture
Maura-Ghezzi

Maura Ghezzi

 

La dirigente scolastica Maura Ghezzi saluta il mondo della scuola dopo una lunga carriera professionale, ben 42 anni di servizio. Negli ultimi anni ha guidato l’istituto comprensivo di Sarnano e l’istituto d’istruzione superiore Gentili di San Ginesio. a conclusione dell’anno scolastico ha salutato alunni, alunne e personale della scuola con una lunga e sentita lettera. «Anche per me è arrivato il momento di lasciare il servizio attivo, un passaggio che porta con sé tanti ricordi, poiché, prima di esserne insegnante e poi dirigente, sono stata alunna di questa scuola. Non posso dunque non provare commozione nel ripercorrere le varie tappe della mia vita professionale, sin da quando mi fu assegnata la prima cattedra di docente in una Scuola dell’Infanzia, per poi passare alla Scuola Primaria. Penso agli anni dell’insegnamento, ai tanti cari alunni e poi alla dirigenza, prima nel vissano e successivamente all’IC di Sarnano, desiderosa di lavorare per il mio territorio». Dopo aver ripercorso il suo impegnativo cammino tra modernizzazione, finanziamenti europei, nuovi indirizzi scolastici, ricorda le difficoltà arrivate dopo il sisma. «Il terremoto e la complessa gestione della sua emergenza hanno infatti costituito una fase dolorosa e difficile, che ho cercato di affrontare con coraggio ed impegno instancabili, consapevole che l’urgenza degli eventi rendeva necessario mettere in campo risorse e competenze di ognuno. Sono sotto gli occhi di tutti i traguardi raggiunti: a soli quattro anni dal sisma del 2016, godiamo della ricostruzione di quattro bellissimi edifici, donati dalla Regione Friuli, dalle Fondazioni Bocelli–Rosso, dal Giornale di Brescia e dagli Amici bresciani e dall’Ania Assicurazioni».

scuola-gualdo2-325x244

La dirigente Ghezzi con il sindaco Zavaglini durante l’inaugurazione della scuola di Gualdo

Poi la pandemia. «La drammatica situazione della pandemia ci ha imposto la nuova modalità di insegnamento a distanza. Ci siamo affidati a piattaforme informatiche attraverso le quali siamo riusciti a raggiungere tutti e a “fare scuola” fuori dalla scuola. L’Istituzione scolastica, insieme ai suoi docenti, si è attivata con tempestività per non interrompere la continuità didattica e per favorire la partecipazione di ciascuno, senza lasciare nessuno indietro». Per finire con i ringraziamenti e un auspicio: «Auspico che si continui a tenere alto il nome dell’Istituto Comprensivo “G. Leopardi”, trovando, proprio nella scuola, le giuste risposte alle domande della vita, mettendo a frutto ogni esperienza e procedendo con determinazione nella programmazione del loro futuro. Pur non spettando a me il bilancio di questi miei anni di servizio, sento di potermi congedare con serenità, credendo, in coscienza, di aver svolto il mio lavoro con passione, lealtà e rigore etico, dedicando sempre alla scuola il meglio di me stessa, senza arrendermi alle difficoltà, che pure non sono mancate, così come le incomprensioni e le divergenze. Continuate il vostro cammino con la determinazione di sempre, forti di un patrimonio di esperienze che, in tutti questi anni, si è sedimentato. Di questa scuola, della “mia” scuola, serberò sempre vivo e affettuoso il ricordo. A voi che rimanete, l’impegno di renderla sempre migliore».

(Redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X