«Sempre scettico su Canil a Macerata:
senza compassi e goniometri
ripartiamo dalla nostra città»

AMICI DELLA RATA - Il presidente Giovanni Orlandi dopo l'annuncio della nascita dell'Ancona Matelica: «Il patron biancorosso non aveva mai veramente manifestato un forte interesse, la sua è stata una scelta imprenditoriale. Riconoscente nei confronti di Crocioni, è stato l’unico ad assumersi oneri ed onori per far ripartire la squadra». Sul futuro: «Le nostre società sportive abbandonino personalismi e coltivino solamente sane rivalità»
- caricamento letture

 

Maceratese_Orlandi_FF-7-325x217

Giovanni Orlandi, presidente di Amici della Rata

 

di Luca Patrassi

Tifoso ed amante del calcio sì, ma anche imprenditore e titolare dalla Agrotecnica di Piediripa: Giovanni Orlandi, presidente dell’associazione Amici della Rata, interviene sul dopo Canil a Macerata. Sorpreso? «La scelta del presidente Canil – osserva Orlandi – è sicuramente stata una scelta imprenditoriale. Da questo punto di vista, la città di Ancona, certamente, può offrire prospettive diverse e più interessanti rispetto a Macerata. Quindi una scelta legittima e comprensibile. Non sta a me giudicare il comportamento tenuto nella trattativa. Penso che i programmi siano di allestire una squadra che punti alla serie B. Tutto ciò oramai, fa parte del passato ed è importante guardare al futuro». Amarezza per la scelta o se l’aspettava? «La mattinata nella quale si è diffusa la notizia della scelta del Matelica, ho ricevuto un messaggio da parte di un amico tifoso che evidenziava di avermi visto sempre scettico riguardo alla positiva conclusione della trattativa e indulgente nei confronti dell’attuale Maceratese. Ciò è vero in quanto il presidente del Matelica non aveva mai veramente manifestato un forte interesse per l’approdo a Macerata e, forse, non indulgente ma riconoscente nei confronti del presidente della Maceratese Crocioni il quale è stato l’unico, dopo l’anno di stop forzato del calcio a Macerata, a rendersi disponibile ad assumersi oneri ed onori per far ripartire la squadra biancorossa, sottolineerei l’unico».

Maceratese_Crocioni_FF-2-325x217

Alberto Crocioni

Come si riparte con il calcio a Macerata? «Dobbiamo ripartire da dove tutto, forse, si è interrotto ossia dalla denominazione SS Maceratese 1922, dalle nostre maglie a strisce verticali biancorosse, dal nostro ovale che richiama, con la macina al suo interno, l’operosità dei maceratesi e dalla nostra casa l’Helvia Recina». Si è parlato molto, più o meno a proposito, di settori giovanili. «Dobbiamo ripartire uniti da queste radici e da questi valori comuni che gli istruttori delle scuole calcio, giustappunto per parlare di giovani, dovrebbero insegnare prima di qualsiasi altra cosa: il senso di appartenenza, il rispetto della maglia e dei simboli. Perciò senza “compassi e goniometri”, dobbiamo ripartire dalla nostra città e dalle società sportive presenti in essa, l’attuale Maceratese, la Robur, nata prima della Maceratese, la Cluentina, la Vigor, l’Atletico Macerata, la più giovane, senza dimenticare il calcio femminile – in forte crescita – con una unione di intenti, attuando utili sinergie, abbandonando personalismi e coltivando solamente sane rivalità. Tutto ciò avendo ben chiaro che il percorso intrapreso dovrà onorare il prossimo futuro centenario della SS Maceratese 1922».

La Fabiani si trasforma: diventerà S.S. Matelica Calcio 1921

“Ancona Matelica” è realtà Canil accolto dagli ultras Le partite allo stadio Del Conero

Matelica-Macerata, Savi: «Nulla da rimproverare all’amministrazione Ma rivedano il giudizio sulla vicenda Lube»

Matelica-Macerata (anzi no, Ancona) Crocioni: «Davo per certo l’accordo Se sono gradito si può andare avanti»

Matelica ad Ancona, Parcaroli: «Accolte tutte le richieste di Canil Non potevamo rinunciare al nome»

Canil ad Ancona, è quasi fatta: «Dispiace lasciare Macerata Ha creduto al progetto solo Parcaroli»

Settore giovanile, il Matelica trova l’accordo con la Junior Ancona

Matelica-Macerata, la parola a Canil Una sola richiesta dal Comune: in futuro sarà SS Maceratese 1922

Matelica-Macerata, questione di giorni Tra Canil e Comune servirà un nuovo incontro

Matelica conferma il ds Micciola Canil: «Progetto ambizioso, avrà una lunga durata»

Ricotta a gamba tesa: «Progetto con il Matelica? Si sta preparando il funerale della Rata»

Calcio d’inizio per la partita a tre: in ballo il futuro della Maceratese

Avanza il progetto Matelica-Macerata, Canil incassa il sostegno degli imprenditori del territorio

«Pronto a restituire il marchio al Comune che potrà darlo a Canil per la serie C Ma chiamatela Maceratese»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X