Matelica ad Ancona, Parcaroli:
«Accolte tutte le richieste di Canil
Non potevamo rinunciare al nome»

CALCIO - Il sindaco interviene dopo che l'imprenditore veneto ha annunciato il trasferimento nel capoluogo di regione: «Abbiamo fatto il possibile per il bene della nostra città. Unica condizione irrinunciabile era che dal 2022 o dal 2023 la squadra si sarebbe dovuta chiamare SS. Maceratese 1922»
- caricamento letture

 

Matelica_Canil_Parcaroli_FF-5-325x216

Mauro Canil con il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli all’Helvia Recina

 

«Sin dalla presentazione del nostro programma amministrativo e negli otto mesi di governo, la nostra amministrazione ha posto al centro della propria attività lo sport; non poteva quindi che essere prioritaria l’attenzione verso il calcio che è da sempre vissuto in città con coinvolgimento e passione, tanto è vero che abbiamo rivolto ogni sforzo per dare la giusta importanza al fatto che a Macerata una società solida disputasse il campionato di Lega Pro». A dirlo è il sindaco Sandro Parcaroli in seguito al comunicato diramato dalla S.S. Matelica Calcio sull’imminente accordo con Ancona (leggi l’articolo).

«Sin dai primi mesi di governo è iniziata una serie di incontri per dar vita a un progetto pluriennale, organico e congiunto tra il Matelica e la nostra città – ha continuato il sindaco -. Abbiamo coinvolto le associazioni di categoria e realtà imprenditoriali del territorio, attivandoci in maniera decisa, seria e onesta per dar vita a un percorso che coinvolgesse tutte le realtà di Macerata e del territorio; un progetto con al centro la promozione e valorizzazione dei settori giovanili».

Parcaroli conferma quanto scritto sabato sulla trattativa (leggi l’articolo): «Alla luce del reciproco interesse mostrato, l’Amministrazione ha attivato tutti i settori della struttura comunale, le proprie risorse e forze per esaudire le numerose e onerose richieste del Matelica Calcio, sia sotto l’aspetto tecnico sia finanziario, e per questo ringraziamo gli Uffici comunali del grande lavoro – ha aggiunto Parcaroli -. Le numerose richieste del Matelica Calcio sono state soddisfatte, a partire dalle agevolazioni finanziarie su costi e tariffe, passando per l’utilizzo dello stadio comunale Helvia Recina e per i lavori di adeguamento dello stesso alle norme federali, arrivando al reperimento di spazi presso i campi utilizzati dalle società dei sodalizi calcistici della città, che ci teniamo a ringraziare per l’enorme sensibilità e disponibilità mostrate. A conferma dell’attenzione posta dall’Amministrazione sull’argomento abbiamo anche partecipato al bando “Rigenerazione Urbana” prevedendo risorse per 4,5 milioni di euro destinate all’ammodernamento dello stadio comunale Helvia Recina».

«Unica condizione irrinunciabile che l’Amministrazione ha posto alla società matelicese, dettata da motivi di fede e passione sportiva e in ossequio alla centenaria e prestigiosa tradizione della Maceratese – che ha visto coinvolte intere generazioni di tifosi e appassionati intorno ai colori biancorossi – è stata quella di attribuire al sodalizio militante in Lega Pro, nel breve o medio periodo, il nome di “S.S. Maceratese 1922”, utilizzando nel primo anno (2021/2022) il nome “Macerata-Matelica” – ha concluso il sindaco -. A questa condizione, che il patron del Matelica sembrava aver preso in considerazione, non eravamo e non siamo disposti a rinunciare. L’intenzione dell’Amministrazione è esclusivamente quella di riportare i colori biancorossi e il sodalizio della Maceratese ai livelli che la città merita e che la storia reclama».

 

Canil ad Ancona, è quasi fatta: «Dispiace lasciare Macerata Ha creduto al progetto solo Parcaroli»

Settore giovanile, il Matelica trova l’accordo con la Junior Ancona

Matelica-Macerata, la parola a Canil Una sola richiesta dal Comune: in futuro sarà SS Maceratese 1922

Matelica-Macerata, questione di giorni Tra Canil e Comune servirà un nuovo incontro

Matelica conferma il ds Micciola Canil: «Progetto ambizioso, avrà una lunga durata»

Ricotta a gamba tesa: «Progetto con il Matelica? Si sta preparando il funerale della Rata»

Calcio d’inizio per la partita a tre: in ballo il futuro della Maceratese

Avanza il progetto Matelica-Macerata, Canil incassa il sostegno degli imprenditori del territorio

«Pronto a restituire il marchio al Comune che potrà darlo a Canil per la serie C Ma chiamatela Maceratese»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X