Ricotta a gamba tesa:
«Progetto con il Matelica?
Si sta preparando il funerale della Rata»

INTERROGAZIONE nel prossimo consiglio comunale presentata dal capogruppo del Pd: «Il progetto calcio in città non può tagliare fuori la squadra che nel 2022 festeggerà il centenario, deve passare attraverso una sorta di fusione tra i due club. L'indirizzo è di far traslocare la società di Crocioni dall’Helvia Recina al campo di Villa Potenza»
- caricamento letture

 

NarcisoRicotta_FF-24-325x217

Narciso Ricotta

 

di Mauro Giustozzi

«Più che il centenario della storia della Maceratese che si festeggerà nel 2022 qui si sta preparando il funerale di un club che ha rappresentato, nel bene nel male, la storia calcistica della nostra città». Entra con un duro tackle, usando il linguaggio sportivo, il capogruppo del Partito Democratico Narciso Ricotta sull’affair Matelica-Macerata, la squadra che dovrebbe affrontare con questa denominazione il prossimo campionato di serie C nel capoluogo, con sullo sfondo una Maceratese di Crocioni lasciata ai margini e, se così andrà, destinata probabilmente ad interrompere la sua attività sportiva, stavolta non per colpa del covid. Ricotta si fa portatore di questo allarme attraverso un’interrogazione che sarà esaminata nel prossimo consiglio comunale e che chiede all’amministrazione Parcaroli di fare chiarezza una volta per tutte sullo stato della situazione di questo progetto sportivo che riguarda la città e che deve essere però non penalizzante nei confronti della stessa città.

Matelica_Canil_Parcaroli_FF-3-325x216

Il sindaco Parcaroli all’Helvia Recina con Mauro Canil, patron del Matelica

«Un progetto che possa valorizzare la storia della Maceratese doveva passare attraverso una sorta di fusione tra i due club, Matelica e Maceratese –afferma Ricotta- dalla cui unione di forze sarebbe dovuta nascere appunto una nuova società Maceratese che poteva magari avere poi due livelli sportivi, uno professionistico e l’altro dilettantistico. Ciò avrebbe dato spazio alle due realtà di valorizzarsi senza dover necessariamente annullarne una, di gestire anche l’impiantistica che la città mette a disposizione e che, per tante ragioni, Matelica non ha, ed era questa una soluzione che sarebbe stata bene accolta dalla città e penso dalle due società. L’indirizzo che invece pare si vuol dare, e cioè offrire l’uso dell’Helvia Recina al Matelica, che mantiene la sua identità o aggiunge forse il nome Macerata, e la Maceratese viene lasciata al suo destino, negandogli l’utilizzo di quello che è stato da sempre il suo storico impianto appunto l’Helvia Recina, facendola traslocare al campo di Villa Potenza, è chiaro che ne depotenzia le possibilità operative perché è evidente che anche gli attuali investitori o altri che potrebbero aggiungersi, saranno costretti a tirarsi indietro perché non vedono un futuro in questa prospettiva. Persone che hanno fatto sacrifici per dare alla città comunque una squadra di calcio nonostante le tante difficoltà affrontate».

striscione-canil-helvia-recina

Lo striscione all’Helvia Recina

L’amministrazione di centrosinistra nella passata stagione aveva dato ospitalità al Matelica neo promosso in serie C, attivando una convenzione di affitto dell’impianto al club del patron Mauro Canil, stadio sul quale anche pochi mesi fa sono stati effettuati investimenti da parte della giunta Parcaroli. «Quello che denuncio è che questo su cui si sta lavorando non è un progetto sportivo –prosegue Ricotta- di unire le forze per creare una Maceratese forte per il futuro ma si tratta semplicemente di dare la possibilità al Matelica di utilizzare lo stadio Helvia Recina per giocarci il suo campionato di serie C. Noi abbiamo, è vero, dato lo scorso anno il campo in affitto al Matelica, ma in quello stadio lo scorso anno ci avrebbe giocato anche la Maceratese se la pandemia non avesse poi fermato quei campionati. Noi ci siamo messi al servizio del territorio dando al Matelica la possibilità di giocare il campionato di serie C in un impianto adeguato, ma non in sostituzione della Maceratese bensì assieme nello stesso stadio. In più nella prospettiva di un progetto sportivo complessivo a beneficio della città che doveva maturare nel tempo, e che non è questo che viene prospettato dalle voci che circolano insistentemente». Proprio a livello di indiscrezioni sembra che sia in programma per giovedì prossimo un summit tra Comune e Matelica che ha come oggetto proprio la gestione degli impianti sportivi cittadini.

Helvia-Recina-e1611770000559-325x210

L’Helvia Recina

Questo il testo integrale dell’interrogazione che Narciso Ricotta ha inviato all’amministrazione comunale. “Premesso che la Società Sportiva Maceratese festeggerà nel 2022 i 100 anni dalla fondazione risalente al 1922; che, purtroppo, negli ultimi anni la Società ha vissuto, dal punto di vista gestionale, una serie di vicende sfavorevoli che l’hanno portata a militare nel campionato dilettanti Promozione Marche; che, di recente, a mezzo stampa sono apparse notizie di un progetto riguardante la S.S. Maceratese e la S.S. Matelica, che milita nel campionato professionistico di serie C; che detto progetto, come sembra, coinvolgerebbe da un lato una squadra principale che seguiterebbe a giocare in serie C denominata Matelica-Macerata, rappresentativa del territorio provinciale, ed una squadra di livello inferiore che seguiterebbe a giocare nel campionato dilettanti denominata Maceratese; che, in conseguenza di quanto sopra, il Matelica-Macerata giocherebbe allo stadio Helvia Recina mentre la Maceratese si dovrebbe trasferire al campo sportivo di Villa Potenza; che, insomma, questo progetto appare come uno strano modo di festeggiare i 100 anni della nostra Maceratese, poiché non è una fusione tra le due Società ed appare, invece, come la mortificazione della storia della nostra squadra cittadina che diventerebbe ospite a casa propria. Tutto ciò premesso si chiede all’Amministrazione Comunale di conoscere: lo stato di avanzamento del progetto sportivo sopra citato ed il perché non si cerchi, invece, di perseguire la possibilità di una nuova Maceratese con due declinazioni: una professionistica ed un’altra dilettantistica; se l’Amministrazione abbia intenzione di opporsi ad un percorso, come quello sopra delineato, che, di fatto, porterebbe alla sostanziale scomparsa della S. S. Maceratese; se corrisponde al vero che il Matelica-Macerata giocherà all’Helvia Recina e la Maceratese al campo sportivo di Villa Potenza; se la S.S. Matelica sceglierà di mantenere il proprio nome senza aggiungerlo o sostituirlo con quello della Maceratese, l’Amministrazione Comunale a chi assegnerà in futuro l’uso dello stadio Helvia Recina: al Matelica o alla Maceratese”.

Calcio d’inizio per la partita a tre: in ballo il futuro della Maceratese

Avanza il progetto Matelica-Macerata, Canil incassa il sostegno degli imprenditori del territorio

«Pronto a restituire il marchio al Comune che potrà darlo a Canil per la serie C Ma chiamatela Maceratese»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X