«Mio figlio di 14 anni ha una malattia rara
La Regione non mi fa vaccinare,
come posso tutelarlo?»

CORRIDONIA - Rosella Ramundo ha scritto una lettera al ministro della Sanità Roberto Speranza e al commissario straordinario Covid Paolo Figliuolo: «Le Marche hanno disatteso le norme»
- caricamento letture

 

rosella_ramundo

Rosella Ramundo

 

«Sono la mamma di un 14enne affetto da una malattia rara, non posso vaccinare lui e non riusciamo ad ottenere una vaccinazione neanche per noi familiari. Come posso tutelarlo dal Covid?». E’ l’appello di Rosella Ramundo, 51 anni, di Corridonia. Non nuova a battaglie per il riconoscimento dei diritti dei malati, ha preso carta e penna e ha scritto direttamente al ministro alla Sanità Roberto Speranza e al commissario straordinario per l’emergenza Covid Paolo Figliuolo per denunciare la situazione in cui si trova. 

«Informo – ha scritto nella missiva – che la Regione Marche ha bloccato le richieste di vaccinazioni inserite dallo scorso 19 aprile con specifica prenotazione nella lista di adesione della piattaforma dell’Asur Marche per la categoria caregiver di minori di anni 15 estremamente vulnerabili. Sono genitore di un bambino affetto da malattia rara (certificato portatore di disabilità gravissima) ed ho inserito la prenotazione come caregiver nella  piattaforma lo stesso 19 aprile, quando la Regione Marche ha aperto il relativo slot; nonostante non sia arrivata nessuna notifica di avvenuta registrazione , come lamentato da altri genitori nella Regione, ho aspettato di essere chiamata dagli operatori sanitari per il relativo appuntamento». Da quel momento Ramundo ha chiesto chiarimenti alle autorità sanitarie e agli uffici di riferimento senza alcun riscontro fino a ieri mattina. «Ho ritelefonato al numero verde nazionale per le prenotazioni (800009966) e mi è stato detto che la Regione Marche aveva bloccato le richieste inserite nella piattaforma dai caregiver dei soggetti con disabilità minori di 15 anni, tra cui quella relativa alla mia tessera sanitaria. Nonostante nelle linee guida pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale  sui principali gruppi per le vaccinazioni sia espressamente indicato che patologie come quelle di mio figlio rientrino nella categoria 1 e che nel caso di minori di anni 15 bisogna vaccinare i famigliari conviventi, la Regione Marche ha completamente disatteso tali norme senza nessuna motivazione o comunicazione in merito, continuando a “pubblicizzare” che le vaccinazioni procedevano con regolarità e sbandierando l’apertura di altri slot per successive fasce d’età. Mi chiedo quale scelta scellerata ci sia dietro quella di non procedere alla vaccinazione di coloro che giornalmente curano e assistono soggetti così fragili che non possono essere vaccinati; come possiamo tutelarli dalla pandemia?».
La mamma di Corridonia conclude con un accorato appello: «Non basta combattere giornalmente con la malattia dei nostri figli, con la mancanza di cura e di terapia adeguate, la continua burocrazia prevista per ogni iter di richiesta di ausili, presidi e farmaci orfani, le enormi difficoltà legate alla loro disabilità fisica e cognitiva, bisogna subire anche questo. Personalmente poi appartengo anche alla categoria di lavoratori cosiddetti “essenziali” che in questi ultimi atroci 15 mesi ha sempre lavorato a contatto con il pubblico con il continuo timore di riportare a casa il virus. Mi rivolgo al Ministro della Salute On. Roberto Speranza e al Commissario Straordinario per l’emergenza Covid Generale Figliuolo per avere una adeguata spiegazione e risoluzione in merito, anche alla luce dell’Ordinanza 8/2021 firmata dal Generale stesso lo scorso 6 maggio rivolta alle Regioni per provvedere con immediatezza alle prenotazioni delle vaccinazioni per le persone con disabilità grave e loro familiari».

(a.p.)

 

Scarponi si unisce all’allarme vaccini: «I dati sulle prenotazioni non tornano, i genitori dei disabili sono nel limbo»

«Caregiver ancora senza vaccino e dalla Regione nessuna risposta: una vergogna marchigiana»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X