Falsi carabinieri rapinano automobilista,
minacciato con una pistola:
gli prendono un Rolex Daytona

MONTECOSARO - Un commerciante 51enne di Porto Recanati è stato vittima di un agguato lungo la superstrada in direzione Civitanova. Prima i malviventi lo hanno fermato usando una vettura con un lampeggiante simile a quelli delle forze dell’ordine, poi uno di loro ha finto un controllo e gli ha portato via il prezioso orologio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

polizia-commissariato-foto-darchivio-civitanova-FDM-19-400x267

 

di Laura Boccanera

Rapinato da quattro finti carabinieri armati, lungo la superstrada. Vittima un commerciante di 51 anni di Porto Recanati. L’uomo è stato fermato lungo la superstrada nei pressi di Montecosaro da quattro uomini a bordo di un’auto che aveva dei lampeggianti simili a quelli delle forze di polizia. È successo intorno alle 18 di ieri. Il commerciante stava andando in direzione di Civitanova quando è stato fermato dalla vettura dei malviventi che gli hanno chiesto di accostare. Prima è stato affiancato, poi i finti carabinieri gli hanno fatto cenno di accostare poco prima del piazzale dell’autogrill che si trova a Montecosaro. Qui uno dei malviventi, che indossava una pettorina con la scritta “Carabinieri” ha chiesto i documenti all’uomo fingendo un controllo. Gli ha detto che stavano svolgendo indagini sulle auto rubate. Uno degli uomini indossava una pettorina e poi, dietro la minaccia di una pistola (non si sa se vera o se finta) uno dei malviventi si è fatto consegnare un orologio di valore, un Rolex Daytona che il commerciante (è il titolare di un centro benessere) aveva al polso. Un complice, nel frattempo, ha preso un borsello che l’uomo aveva sul sedile. Fatto il colpo la banda si è dileguata alla svelta. Sul caso sta indagando la Squadra mobile di Macerata (guidata dal commissario capo Matteo Luconi) e il commissariato di Civitanova (guidato dal commissario capo Fabio Mazza). Al vaglio immagini di videosorveglianza e ogni pista che possa far risalire all’identità della banda. Episodi analoghi sono avvenuti di recente in Umbria e in Toscana.

(Ultimo aggiornamento alle 16,30)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X