facebook twitter rss

Vertenza vinta dai lavoratori,
Arcale: «Non vogliamo eludere richieste»

BOTTA E RISPOSTA tra il Consorzio e la Cgil di Macerata dopo l'accertamento dell'Ispettorato del lavoro sulle spettanze di 17 operai della Gesti one: «Accesso agli atti solo per fare chiarezza su alcune contraddizioni»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

16 Condivisioni

 

«L’accesso agli atti non è fatto in contrasto o per eludere le legittime richieste dei lavoratori». Così il Consorzio Arcale replica alla Cgil di Macerata, in un botta e risposta che va avanti da ieri, dopo l’annuncio del sindacato rispetto all’accertamento dell’Ispettorato del lavoro sulle spettanze di 17 operai della Gesti one. Ditta che ha lavorato nell’ambito dei subappalti del consorzio alle soluzioni abitative d’emergenza dopo il terremoto.

Arcale ha chiesto un accesso agli atti, mossa che non è piaciuta alla Cgil che oggi per voce dei segretari Daniel Taddei e Massimo De Luca (Fillea) ha ribadito che «l’accertamento è un titolo esecutivo e stiamo preparando i decreti ingiutivi». A tal proposito Arcale specifica di aver «offerto la sua piena disponibilità a riconoscere i diritti dei lavoratori impiegati dall’azienda subappaltatrice Gesti One, responsabile prima del mancato riconoscimento degli stipendi. Il Consorzio si è limitato, sulla base delle denunce presentate dalla stessa e sulla base dell’accertamento dell’Ispettorato del Lavoro, a chiedere un accesso agli atti per fare chiarezza su alcune contraddizioni. Questa iniziativa non è fatta in contrasto o per eludere le legittime richieste dei lavoratori. Ognuno poi è libero di scegliere il tono che ritiene più opportuno, libertà che vale per la Cgil e anche per il Consorzio. Con una precisazione conclusiva: non siamo interessati a combattere un conflitto inesistente e perciò immaginario».

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X