Arcale: «Disponibili a un accordo,
lesa la nostra reputazione»

IL CONSORZIO che ha realizzato le sae spiega le ragioni della causa civile intentata contro Regione, Protezione civile ed Erap con cui chiede un maxi risarcimento di 65 milioni di euro: «Non è una decisione presa a cuor leggero. Alla nostra proposta di un accordo bonario palazzo Raffaello ha replicato scegliendo lei stessa la via della contestazione legale»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

consorzio-arcale-2-325x244

 

«La causa civile da noi intrapresa è un atto dovuto che ha fondate ragioni di fronte a interlocutori indisponibili che continuano a ledere la reputazione del consorzio per ragioni che sfuggono al buon senso comune ma, forse, sono più comprensibili in chiave politica. La disponibilità del Consorzio per un accordo rimane intatta. Restiamo in attesa di un’interlocuzione sobria ed equilibrata». Questo il commento del consorzio Arcale rispetto alla richiesta di risarcimento di 65 milioni di euro fatta a Regione, Erap e Protezione civile. Arcale, che ha realizzato la maggior parte delle soluzioni abitative d’emergenza per gli sfollati del sisma in provincia, spiega le ragioni della causa civile, al via il 4 giugno nel tribunale di Roma: «Non è una decisione presa a cuor leggero né, da parte dei proponenti, si è mai pensato alla ricerca di un qualsiasi pretesto per sottrarsi alle proprie responsabilità. Responsabilità, va ricordato, che sono state assunte ogni volta senza riserve. Anche quando, come nel più recente caso dei pozzetti installati non ad opera d’arte, il Consorzio si è fatto carico delle responsabilità di altri soggetti. L’immagine del consorzio Arcale ha ricevuto danni notevoli dalle decisioni dei soggetti istituzionali coinvolti nella gestione del post-sisma. La reputazione del consorzio è frutto di una storia di anni, di lavori eseguiti nelle condizioni più difficili e talvolta avverse, ma sempre apprezzati dai committenti, pubblici o privati che fossero. Questa immagine è stata ferita dalle iniziative di soggetti come la Regione Marche, nonostante la disponibilità incondizionata del Consorzio a risolvere le poche problematiche emerse, quasi tutte risolvibili e risolte con soddisfazione degli utenti. Alla nostra proposta di un accordo bonario, la Regione ha replicato scegliendo lei stessa la via della contestazione legale chiudendo così la porta alla composizione pacifica della controversia». Da qui la scelta di denunciare. Stamattina l’assessore Angelo Sciapichetti ha parlato di «richiesta temeraria» e di «atti giudiziari del tutto infondati».

Sae, Arcale denuncia: chiesti 65 milioni di danni Sciapichetti: «Richieste temerarie»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X