facebook twitter rss

Vertenza su cantieri sae, Arcale:
«Chiesto l’accesso agli atti
Ci assumeremo ogni onere»

SISMA - Il consorzio interviene dopo l'accertamento dell'Ispettorato del lavoro che ha dato ragione a 17 lavoratori assistiti dalla Cgil di Macerata: «Tramite i nostri legali faremo una ricognizione puntuale della vicenda»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

9 Condivisioni

 

«Il Consorzio Arcale non ha né mai ha avuto difficoltà ad ascoltare le ragioni dei lavoratori. Nessun problema, quindi, per accogliere le conclusioni dell’accertamento fatto dall’Ispettorato del Lavoro, su richiesta della Regione Marche, per quanto riguarda i lavoratori della Gesti One, una ditta che ha lavorato all’installazione dei moduli Sae prima di essere messa in liquidazione». Così il consorzio che ha realizzato parte delle soluzioni abitative d’emergenza nel Maceratese (le altre sono state fatte dal consorzio Cns) interviene dopo l’annuncio della Cgil sulla vertenza vinta da 17 lavoratori della Gesti one (ditta che ha partecipato ai cantieri delle sae) per spettanze dovute di oltre 115mila euro.

Arcale precisa inoltre che «il Consorzio, tramite i suoi legali, intende chiedere l’accesso agli atti per una ricognizione puntuale sulla vicenda. È doveroso precisare che i lavoratori della Gesti One impegnati nei cantieri del sisma erano una cinquantina ma di essi 13, secondo quanto riferito dalla Cgil provinciale alla Regione Marche il 21 marzo 2018, vantavano un credito di 81.500 euro e per questo la Cgil si rivolse alla Regione. Dopo due anni l’Ispettorato del lavoro ha rilevato che i lavoratori creditori sarebbero 17. Per sanare questa discrepanza fra le cifre della Cgil e l’accertamento dell’Ispettorato del Lavoro, Arcale ha chiesto l’accesso agli atti». In ogni caso «con il senso di responsabilità sempre mostrato in questi anni di grande impegno nelle aree del sisma, Arcale si assumerà gli oneri derivanti dall’accertamento, liberando la Regione da ogni onere, salvo rivalerci, come tutti i creditori, sulla Gesti One», conclude il consorzio.

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X