facebook twitter rss

Ciclostazione a Visso
e navette autopilotate:
Contram guarda al futuro

CAMERINO - Il presidente Stefano Belardinelli ha tracciato un bilancio dell'attività svolta durante l'ultimo anno, salutando anche una quindicina di dipendenti andati in pensione. Presentato un video che racconta il lato umano dell'azienda
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
110 Condivisioni

 

Contram ha presentato i risultati di fine anno e il nuovo video promozionale

di Monia Orazi

Dal piccolo alunno che vive da solo a Rasenna di Visso, ai comuni dell’Anconetano e dell’Ascolano, fino al Cristo delle nevi di Ussita, si può dire che Contram ha un bus, o meglio un servizio per tutti. È questo il messaggio che ha voluto lanciare oggi pomeriggio Stefano Belardinelli, presidente Contram riconfermato nel 2017, che ha tracciato un bilancio dell’attività svolta durante l’ultimo anno, salutando anche una quindicina di dipendenti andati in pensione.

L’intervento del presidente Berardinelli

«Il nostro obiettivo è dare servizi a chi è disagiato, alle persone che vivono nel territorio montano – ha detto Stefano Belardinelli – siamo diventati un gruppo societario da 60 milioni di euro di fatturato, abbiamo come Contram 200 dipendenti ed abbiamo percorso in un anno con i nostri autobus sette milioni di km e trasportato altrettanti passeggeri.Il bilancio dei servizi Contram sfiora i venti milioni di euro, le risorse vanno in gran parte nelle tasche delle famiglie dei nostri dipendenti per il 79 per cento. Le risorse investite dunque restano nel territorio».
Belardinelli ha ricordato i servizi ordinari e di emergenza, come ad esempio quando il treno ferma la neve, il trasporto su gomma diventa fondamentale. Tre le ultime novità c’è il servizio nelle aree Sae di Camerino, San Severino, Ussita e Visso. «Abbiamo grande attenzione per il sociale – ha proseguito il presidente Contram – con la comunicazione curata verso gli utenti, il supporto alle persone diversamente abili, abbiamo fatto seguire apposita formazione ai nostri dipendenti, anche un corso di inglese con Unicam, per potersi rapportare con culture differenti. Ci stiamo impegnando nel settore turistico in collaborazione con Esitur, abbiamo fatto svolgere ai nostri autobus il servizio della seggiovia a Frontignano di Ussita, messo a disposizione una navetta per il Natale a Camerino». Tra i progetti futuri annunciati da Belardinelli ci sono il cicloturismo con la ciclostazione esterna in programma da realizzare a Visso, nuovi impianti fotovoltaici a Treia e Corridonia, nuovi bus elettrici per il trasporto urbano a San Severino e Fabriano. Citando un futuristico “tubo” in cui ad Amburgo e Dubai viaggiano navette elettriche a 1200 km orari Belardinelli ha ricordato come vi sia un progetto legato alle piste ciclabili nell’entroterra: «È giunto il momento di inserire un mezzo a guida autonoma, non perché  vogliamo il personale in pensione, ma a svolgere il lavoro di assistenza a bordo. Una navetta elettrica a guida autonoma è stata messa in servizio a Merano. Vogliamo contemperare le esigenze del trasporto privato con il servizio pubblico, convincendo gli utenti a percorrere l’ultimo miglio fino a casa. Acquistare navette si può fare con investimenti accessibili. Vogliamo migliorare i trasporti delle aree montane del parco dei Sibillini, valuteremo l’acquisto di un mezzo carrozzato per il trasporto persone. Vogliamo guardare alla persona, acquistando una joelette per il trasporto dei disabili. Il nostro sogno è di dare vita ad un trasporto adattato al cliente detto paratransit, tarato sulle sue esigenze, importante soprattutto per gli anziani. Non guardiamo solo alle tecnologie ma continuiamo a mettere al centro la persona».
È stato presentato un video realizzato da Francesco Concetti e Giuseppe Di Paola, che racconta il lato umano del Contram, con protagonisti l’autista Lanfranco, la piccola Gabriella, Giulia dipendente Contram e altri noti volti locali. È seguita poi la premiazione dei dipendenti Contram andati in pensione, sostituiti da altrettanti volti nuovi: Elio Appignanesi, Roberto Baiocco, Giorgio Bartoli, Alberto Bartoloni, Antonio Battaglini, Marco Bazzi, Luigi Bugiolacchi, Enzo Cinquantini, Renato Fraticelli Antonella Gentili, Claudio Gigli.
Sono intervenuti per la premiazione il comandante della stazione carabinieri Camerino Junio Faiazza, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, il rettore Unicam Claudio Pettinari, il presidente dell’Unione montana Alessandro Gentilucci, i sindaci delle vallate del Chienti, del Potenza sino a Fabriano, durante il pomeriggio presentato da Marco Moscatelli che si è concluso con un momento conviviale insieme.

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X